dalla Home

Novità

pubblicato il 5 ottobre 2016

Dacia Logan MCV, un restyling a tre dimensioni

La wagon rumena si aggiorna quattro anni dopo l’esordio, puntando sull’estetica e incrementando la praticità

Dacia Logan MCV, un restyling a tre dimensioni
Galleria fotografica - Dacia Logan MCV restylingGalleria fotografica - Dacia Logan MCV restyling
  • Dacia Logan MCV restyling 001 - anteprima 1
  • Dacia Logan MCV restyling 002 - anteprima 2
  • Dacia Logan MCV restyling 003 - anteprima 3
  • Dacia Logan MCV restyling 004 - anteprima 4
  • Dacia Logan MCV restyling 005 - anteprima 5
  • Dacia Logan MCV restyling 006 - anteprima 6

Un’automobile dal prezzo contenuto viene scelta generalmente per qualità diverse rispetto all’estetica e all’apparenza. Dacia prova a smentire questo luogo comune e aggiorna la carrozzeria della Logan MCV, quattro anni dopo il suo arrivo sul mercato, regalandole alcuni dettagli non comuni su modelli così economici: la versione 2016 adotta una mascherina dalla trama ad effetto tridimensionale e gruppi ottici più elaborati, dove la finitura interna è a rettangoli (all’anteriore) o a quadrati (al posteriore). La wagon ha esordito al Salone di Parigi, sarà in vendita entro fine 2016 e non smarrisce le caratteristiche note finora: il bagagliaio resta molto generoso (da 573 litri) in rapporto alle dimensioni esterne (è lunga 4,49 m), mentre il prezzo in Francia non è stato modificato e regala alla Logan MCV un invidiabile rapporto qualità/prezzo.

La wagon si concede pertanto il tradizionale aggiornamento di metà carriera, e riprende le stesse novità introdotte sulle Sandero e Sandero Stepway: cambiano la mascherina copri-radiatore, i fascioni paraurti e il disegno interno dei fanali anteriori e posteriori, ora più moderno, che dà origine a quattro rettangoli e altrettanti quadrati. Nell’abitacolo si trovano rivestimenti di maggior qualità, un nuovo volante, finiture più curate e un leggero cambiamento nella disposizione dei comandi: gli alzavetro, su richiesta dei proprietari, sono stati trasferiti dalla consolle centrale alle portiere. A disposizione ci sono poi il poggiagomito sul sedile del guidatore, un incavo dove riporre lo smartphone e il portabottiglie posteriore, oltre all’incavo per una bottiglia. La novità maggiore riguarda comunque l’offerta dei motori: debutta un 1.0 a benzina, a tre cilindri da 75 CV, che rappresenta la nuova unità d’accesso.

Autore: Redazione

Tag: Novità , Dacia , auto europee , parigi


Top