dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 3 ottobre 2016

Infiniti QX Sports Inspiration, più corta e sportiva

Il prototipo si accorcia e “incattivisce”, visti i nuovi cerchi in lega da 22 pollici

Infiniti QX Sports Inspiration, più corta e sportiva
Galleria fotografica - Infiniti QX Sports Inspiration ConceptGalleria fotografica - Infiniti QX Sports Inspiration Concept
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 007 - anteprima 1
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 008 - anteprima 2
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 009 - anteprima 3
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 002 - anteprima 4
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 004 - anteprima 5
  • Infiniti QX Sports Inspiration Concept 003 - anteprima 6

La competizione fra le case di prestigio raggiunge il proprio massimo nella categoria riservata ai SUV medi, dove maggiori sono i numeri di vendita e di conseguenza la posta in gioco. Non a caso la sfida è molto serrata: Audi ha rinnovato da pochissimo la Q5, Alfa Romeo entrerà presto in "battaglia" con la Stelvio e Infiniti sta lavorando alla versione stradale del prototipo QX Sports Inspiration, lanciato ad aprile, che viene riproposto al Salone di Parigi e introduce alcuni aggiornamenti rispetto al modello presentato durante la rassegna di Pechino. Il SUV perde 9 cm in lunghezza (ora sono in tutto 4,6 m) e si conferma ben piazzato, come testimonia il metro e 90 di larghezza, mentre l’altezza da terra sembra tradire la vocazione sportiveggiante dell’auto: fra il terreno e la carrozzeria ci sono ben 23 cm.

I nuovi cerchi la rendono ancora più sportiva

Il taglio del montante posteriore rende il lunotto molto inclinato, gli sbalzi sono contenuti su entrambi gli assi e gli ampi cerchi in lega influiscono sulla vista laterale, facendo sembrare la Infiniti QX Sports Inspiration più compatta di quello che realmente è: le ruote misurano 22 pollici e guadagnano 1 pollice rispetto alla vecchia edizione del prototipo, ma cambia qui anche la finitura delle pinze freno (ora di color bronzo). I pneumatici sono nella misura 285/45. L’estrattore rappresenta un altro "pezzo" di design: è verniciato a contrasto, in maniera da richiamare il profilo sulla fiancata, e ingloba anche i termini di scarico. Il passo, lungo 2,8 m, allunga visivamente la cabina e promette una buona abitabilità interna, nonostante il taglio molto accentuato del parabrezza e del lunotto.

L’abitacolo è tagliato in due

Gli interni sono molto curati e conservano la soluzione del grosso tunnel centrale, che sembra isolare il conducente dagli altri quattro passeggeri (quello posteriore centrale, in ogni caso, è solo per le emergenze). Infiniti assicura però di non aver dimenticato gli altri occupanti: i sedili hanno una seduta molto arcuata e permettono di recuperare qualche centimetro in altezza. I rivestimenti sono in pelle bianca o nera, il tetto in cristallo aumenta la sensazione di luminosità a bordo e il grande monitor nella plancia si interfaccia con il sistema multimediale, ma proietta anche le immagini delle telecamere montate al posto degli specchietti laterali. La versione rinnovata del prototipo ha esordito al Salone di Parigi, mentre l’auto definitiva arriverà nel 2017.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Infiniti , auto giapponesi


Top