dalla Home

Live

pubblicato il 3 ottobre 2016

Salone di Parigi, Honda Civic, non è mai stata banale. E mai lo sarà [VIDEO]

Da sempre è sinonimo di hi-tech, ma spesso è stata penalizzata dal design. Ecco com'è la nuova

Galleria fotografica - Honda al Salone di Parigi 2016Galleria fotografica - Honda al Salone di Parigi 2016
  • Honda al Salone di Parigi 2016 019 - anteprima 1
  • Honda al Salone di Parigi 2016 031 - anteprima 2
  • Honda al Salone di Parigi 2016 020 - anteprima 3
  • Honda al Salone di Parigi 2016 034 - anteprima 4
  • Honda al Salone di Parigi 2016 043 - anteprima 5
  • Honda al Salone di Parigi 2016 035 - anteprima 6

Gli appassionati ce l’avranno per sempre nel cuore, la Civic del 1992 con motore VTEC degli anni Novanta, la 1.6 a quattro cilindri, aspirata e alimentata a benzina, che “urlava” i suoi 160 CV a 7.600 giri. Un’auto a dir poco avanti, tecnologicamente, e apprezzatissima anche per il design. Le sue eredi non sono mai state da meno dal punto di vista qualitativo e tecnologico, ma non si può dire altrettanto per quello che riguarda lo stile. La decima generazione, svelata qui a Parigi, di sicuro non è banale: molto grande per essere un’auto di segmento C (è lunga 4,49 metri), ha una sorta di piccolo volume posteriore al quale ci si arriva con un montante “fluido”, il quale a sua volta segue un’unica linea che parte dal muso. No manca il classico - per Civic - spoiler che “taglia” il lunotto e lo scarico centrale.

Le cose più interessanti, comunque, sono sotto la carrozzeria: nel bagagliaio ampio (ben 478 litri di capacità minima) e regolare, per esempio, e dotato di soluzioni particolari come la tendina copribagagli che si avvolge lateralmente. Quanto ai motori, ce ne sono due nuovi: un 3 cilindri 1.0 da 129 CV e un 4 cilindri 1.5 da 182, oltre al già noto turbodiesel 1.6 da 120. Nell’abitacolo, ci si innamora subito della posizione di guida sportiva, con la leva del cambio corta e vicina e i montanti anteriori molto sottili, che favoriscono la visibilità. Aggiornato il sistema di infotainment, più moderno rispetto a quello delle ultime Honda. Al vertice del segmento la disponibilità di vani portaoggetti, così come la disponibilità di spazio per chi siede dietro. La Civic, in sostanza, è molto sportiva nel look, ma pratica come nessun’altra dentro. Accanto alla Civic “normale, Honda ha portato a Parigi anche la Type R, di cui si sa poco o nulla ma molto appariscente grazie agli splitter e alle minigonne in fibra di carbonio, ai cerchi da 20”, ai dischi freno forati e al grande alettone posteriore.

Autore:

Tag: Live , Honda , auto giapponesi , parigi , saloni dell'auto


Top