dalla Home

Tecnica

pubblicato il 28 settembre 2016

Euro NCAP: Mercedes Classe E e Peugeot 3008 a pieni voti

Quasi perfette per adulti e bambini, entrambe “trascurano” un po’ i pedoni

Euro NCAP: Mercedes Classe E e Peugeot 3008 a pieni voti
Galleria fotografica - Peugeot 3008 2016 Crash TestGalleria fotografica - Peugeot 3008 2016 Crash Test
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 1
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 2
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 3
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 4
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 5
  • Peugeot 3008 2016 Crash Test - anteprima 6

Non poteva ottenere che le 5 stelle e le 5 stelle se le è portate a casa con pieno merito, lei che della Stella è l’esponente n°1: la Classe E, la grande berlina Mercedes sulla quale errare - anche la prima volta - si può considerare diabolico, data la quantità di sistemi di assitenza alla guida che offre di serie. Molto bene è andata anche la nuova Peugeot 3008, che in questa sua nuova veste da SUV non guadagna robustezza solo nel look, ma anche nella sostanza. Vediamo nel dettaglio come se la sono cavata la tedesca e la francese, tenendo presente che le metodologie di valutazione sono quelle in uso da inizio 2016.

Alti o bassi, c’è protezione per tutti sulla Classe E

Non importa che siate alti o bassi: le vostre ginocchia, sulla Classe E, sono sempre e comunque al sicuro. E’ questa una delle indicazioni più significative e rassicuranti contenute nel giudizio dell’EuroNCAP. L’unico vero neo della tedesca è la protezione “marginale” (testualmente) offerta per il torace di chi siede dietro nel test di impatto laterale con barriera rigida. Va meglio nella prova con il palo: i “dummies” non hanno registrato criticità in nessuna area. Irreprensibile il contenimento del corpo offerto dai sedili in caso e quello della testa da parte dei poggiatesta in caso di tamponamento, mentre il dispositivo di frenata automatica d’emergenza ha funzionato senza sbagliare un colpo: massimo punteggio in quest’area. Qualche numero: la protezione degli adulti vale un 95% di valutazione, quella per i bambini 90%, per i pedoni 77% (peccato per quelle fasce rosse nel frontale e alla base dei montanti anteriori) e per i sistemi attivi 62%.

Una piccola zona rossa per i pedoni

I giudizi dell’EuroNCAP sono molto emblematici. Se in caso di impatto c’è qualcosa che non va, per esempio, a livello del collo, della testa o del torace (di un adulto o di un bambino), la zona interessata viene colorata di rosso. Sulla nuova 3008, non importa che siate grandi o piccoli. Zone rosse non ce ne sono, visto che le aree più critiche sono solo quella del torace nell’urto frontale: arancione per i bambini fino a 6 anni, giallo quelli fino a 10; ovviamente calcolati su una corporatura media. In arancione c’è anche il torace del guidatore nell’eventualità di un impatto frontale con barriera deformabile. L’unico rosso si trova dunque nella prova del pedone: la base del parabrezza e la parte bassa dei montanti anteriori è troppo dura. I numeri? 86% (protezione adulti), 85% (bambini), 67% (pedoni), 58% (sistemi di assistenza).

Galleria fotografica - Mercedes Classe E 2016 Crash TestGalleria fotografica - Mercedes Classe E 2016 Crash Test
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 1
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 2
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 3
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 4
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 5
  • Mercedes Classe E 2016 Crash Test - anteprima 6

Autore:

Tag: Tecnica , auto europee , crash test , sicurezza stradale


Top