dalla Home

Curiosità

pubblicato il 22 settembre 2016

Ferrari Land, lo abbiamo visitato in anteprima [VIDEO]

Ecco come funzionerà l’acceleratore più grande d’Europa. Nel 2017 l’inaugurazione

Galleria fotografica - Ferrari Land, PortAventura, le prime fotoGalleria fotografica - Ferrari Land, PortAventura, le prime foto
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 1
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 2
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 3
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 4
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 5
  • FerrariLand, PortAventura, le prime foto - anteprima 6

Il conto alla rovescia è cominciato. Mancano meno di 200 giorni all’apertura di Ferrari Land, il nuovo parco tematico dedicato alla Casa di Maranello. Il primo (e unico) in Europa, il secondo nel mondo dopo il Ferrari World di Abu Dabi. Sarà un’isola rossa nel mare di attrazioni del parco di Portaventura Word, ma anche un’isola tricolore, perché celebrerà quel genio italiano che tutto il mondo ci invidia: la capacità di creare opere d’arte, a cominciare, appunto, dalle Ferrari. L’inaugurazione è prevista il prossimo 7 aprile, ma con le nostre telecamere siamo già entrati nel cantiere per vedere cosa ci possiamo aspettare da questo piccolo paese dei balocchi all’insegna Cavallino Rampante.

Il bello dell’Italia e… dell’adrenalina

E la parola “paese” è quanto mai appropriata per descrivere il contesto che accoglierà i visitatori del parco che si sviluppa su 60 mila metri quadri. Un lungo viale costeggiato di edifici ispirati ai simboli dell’architettura italiana. Dal campanile di San Marco, al Colosseo, passando ovviamente per le ricostruzioni di pezzi che simboleggiano la Casa di Maranello e il suo padre fondatore, Enzo Ferrari. Il percorso sta già prendendo forma e condurrà i visitatori all’attrazione principale del parco, l’acceleratore verticale, il più alto e veloce d’Europa. Parliamo di 112 metri e 180 km/h di velocità massima che si raggiungo in circa 5 secondi. Valori e quindi sensazioni vicinissime a quelle che prova un pilota di Formula 1 durante un Gran Premio. La seconda attrazione a tema “accelerazione” sono le due più classiche torri di bounce back che porteranno i loro passeggeri in caduta libera per 55 metri. Chi non vuole esagerare con le emozioni può vivere la velocità virtualmente con una serie di simulatori di Formula 1 semi professionali, o sfidarsi in una gara a tempo fra due squadra per un pit stop di altrettante monoposto. E ancora ci sarà una pista di 500 metri in cui i bambini potranno correre (si fa per dire) con un delle riproduzioni delle Ferrari GT stradali elettriche.

1 milione di visitatori all’anno

L’immersione nel rosso di Ferrari Land durerà all’incirca mezza giornata e bisognerà pagare un biglietto a parte rispetto all’adiacente parco di Portaventura World (il prezzo non è stato ancora definito) che lo è situato a Tarragona, in Spagna, a meno di un’ora di macchina da Barcellona. E’ presto per sbilanciarsi sul successo del format, ma è certo che il marchio Ferrari saprà richiamare molti appassionati da tutt’Europa, tant’è che la società che controlla il parco ha scommesso 100 milioni di investimento per un incremento sull’anno di 1 milioni di visitatori. E se ciò accadrà, per Ferrari Land è già pronto un piano di espansione con nuove attrazioni.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ferrari , lifestyle


Top