Prototipi e Concept

pubblicato il 19 settembre 2016

Peugeot Oxia, quella che arrivava a 350 km/h

Presentata 28 anni fa a Parigi, era all'avanguardia e montava un motore V6 2.8 litri da 670 CV

Peugeot Oxia, quella che arrivava a 350 km/h
Galleria fotografica - Peugeot Oxia ConceptGalleria fotografica - Peugeot Oxia Concept
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 005 - anteprima 1
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 008 - anteprima 2
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 007 - anteprima 3
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 009 - anteprima 4
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 011 - anteprima 5
  • Concept We Forgot: 1988 Peugeot Oxia 001 - anteprima 6

Oxia è una regione di Marte e se in Peugeot hanno deciso di dare questo nome al concept del 1988 evidentemente pensavano di aver creato qualcosa di "galattico". A leggere le specifiche tecniche non si può proprio dargli torto: trazione integrale permanente, quattro ruote sterzanti, peso di appena 1360 Kg, cambio manuale a sei marce e soprattutto un motore centrale V6 biturbo da 2.8 litri capace di ben 670 CV e 720 Nm.

Design e tecnologia

Lo stile della Peugeot Oxia, studiato per essere il più funzionale possibile, è stato influenzato dal design "felino" che in quegli anni accomunava tutte le auto del Leone. Le linee sono pulite e per quanto indubbiamente sportive ed aggressive, riescono in qualche modo a rimanere eleganti. Nella Oxia però il design va a braccetto con la tecnologia. Davanti al parabrezza, ad esempio, sono installati 18 pannelli solari che sono in grado di far funzionare il condizionatore anche a motore spento. Anche nell'abitacolo la Oxia era "avanti": montava di serie un lettore CD e le regolazioni dei due sedili erano completamente elettriche.

Praticamente un'auto da corsa

Ok, al giorno d'oggi ci sono tante altre supercar che fanno meglio della Oxia, ma ricordiamoci che stiamo parlando degli anni '80. Innanzitutto il peso: gli appena 1360 Kg dell'auto sono stati raggiunti grazie all'utilizzo di una combinazione di materiali ultraleggeri come la fibra di carbonio ed il Kevlar, mentre il telaio è quasi interamente di alluminio. E ad un peso così contenuto seguono prestazioni molto elevate: Peugeot aveva deciso di limitare la velocità massima a 300 km/h ma la Oxia raggiungeva tranquillamente i 350 km/h, così come ha dimostrato il tester della Michelin Jean-Philippe Vittecocq sul circuito di Nardò. Lo 0-100 km/h, coperto in meno di cinque secondi, fa ancora impallidire tante sportive super moderne di oggi.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Peugeot , auto europee


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 47
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top