dalla Home

Test

pubblicato il 26 settembre 2016

Opel Mokka X, nuovo volto, tanta tecnologia in più [VIDEO]

Rinnovata nel design e ancor più nella tecnologia, per rimanere al top delle vendite

Galleria fotografica - Opel Mokka XGalleria fotografica - Opel Mokka X
  • Opel Mokka X 014 - anteprima 1
  • Opel Mokka X 054 - anteprima 2
  • Opel Mokka X 036 - anteprima 3
  • Opel Mokka X 023 - anteprima 4
  • Opel Mokka X 022 - anteprima 5
  • Opel Mokka X 042 - anteprima 6

In quattro anni, l’hanno scelta oltre 500.000 clienti. Tra i SUV compatti, Opel Mokka è uno dei più apprezzati in assoluto, ma guai ad abbassare la guardia anche solo per un attimo. Questo è il segmento in più forte crescita: le rivali si moltiplicano e attaccano senza pietà. In Opel lo sanno ed ecco che la Mokka diventa Mokka X, il che significa nuovo look, una bella iniezione di tecnologia e qualche aggiustamento dal punto di vista della dotazione.

Com’è

SUV compatti, si diceva: in realtà la Mokka, anche quando non c’era la X, tanto piccola non lo è mai stata. Lunga 4,28 metri, supera di circa 10-15 cm i SUV di segmento B, ma è altrettanto più corta di quelli di segmento C. Forse, potrebbe essere proprio questa una delle chiavi del suo successo: abitacolo e bagagliaio (356-1.372 litri) sono grandi quasi come quelli della categoria superiore, ma i prezzi non superano quelli dei SUV più piccoli. Tornando alla “X” e alle sue novità, partiamo dalla carrozzeria: la parte che cambia di più rispetto a prima è il frontale, dove ci sono nuovi fari, più orizzontali. Ridisegnati anche mascherina e paraurti, ora più “tirati” e moderni. Ci sono luci nuove anche dietro, anch’esse disponibili con tecnologia led, e sono stati introdotti nuovi colori per la carrozzeria. Dentro c’è il cambiamento che ho apprezzato di più e che fa della Mokka X molto più che un semplice restyling. Il merito è dello schermo da 7 o 8 pollici (variabile in base agli allestimenti) che si innesta in una plancia molto simile, questa sì, a quella dell’Astra. Il design è pulito e moderno e tutto è più facile da usare, perché le funzioni fondamentali come la regolazione del volume e della temperatura si fanno ancora con tasti fisici, mentre quelle secondarie sono racchiuse nel touchscreen. A proposito: l’infotainment Intellilink può essere dotato di Android Auto ed Apple Car Play, ma come capita con tutti i sistemi anche della concorrenza, usare il proprio smartphone (a macchina ferma) rimane più immediato, specialmente i comandi vocali.

Come va

E’ tutta una questione di aspettative: chi sceglie di comprare un SUV - piccolo o grande che sia - difficilmente va a caccia di emozioni di guida (e così anche chi, come me, ci si mette alla guida per provarlo). Forse anche per questo motivo, la Mokka X mi stupisce. Non si “mangia” le curve come una sportiva, questo no, però è abbastanza rapida e precisa oltre a essere una delle auto più divertenti del suo segmento. Rapida di sterzo (sempre in relazione al segmento di cui fa parte), è ben supportata da un assetto tipicamente Opel, vale a dire a metà strada fra l’assorbimento delle irregolarità e l’handling. Forse, solo chi si aspetta comfort totale potrebbe rimanere deluso da qualche scossone che si genera sulle buche più secche: devo specificare però che l’esemplare che ho guidato montava cerchi da 18” a spalla ribassata, il che di certo non è amico dello smorzamento. Quanto al motore, il 1.6 turbodiesel da 136 CV (l’unico che si può abbinare alla trazione integrale) mi è piaciuto di più per silenziosità e assenza di vibrazioni che per prontezza ai bassi regimi: fino a 1.600 giri non è dei più reattivi e, se si vuole sorpassare con rapidità, è meglio scalare una marcia. Un grande passo avanti la Mokka X l’ha fatto al capitolo sicurezza, grazie all’Opel Eye (occhio), che assiste il guidatore leggendo i limiti di velocità e riportandoli nella strumentazione, sorvegliando la distanza dai veicoli davanti e avvisando se si sta riducendo pericolosamente, per poi frenare in automatico se sta per succedere l’irreparabile.

Curiosità


Torniamo al nuovo design del frontale: contrariamente a quanto si può vedere con molti marchi della concorrenza, in Opel non hanno fatto il “copia-incolla” dal muso dell’Astra, che è la novità più importante della Casa dell’ultimo periodo. Se la compatta si riconosce subito per l’evidente fascia cromata, la Mokka X è più “pulita”, meno elaborata. Una differenza che alcuni possono leggere come ricchezza di creatività, ma che per altri è segno di mancanza di un’identità forte del marchio.

Quanto costa


La nuova Opel Mokka X ha un listino che parte da 19.750 euro, mentre la versione provata costa 28.700 euro. Il cambio automatico? E’ disponibile solo sulle 1.4 Turbo da 140 CV e turbodiesel da 136, ma non si può abbinare alla trazione integrale. Infoltre, la Mokka X è disponibile anche con motore a doppia alimentazione benzina/GPL, con motore 1.4 Turbo da 140 CV. Quattro gli allestimenti: “base”, Advance (il più equilibrato), Innovation e B-Color.

La scheda

Versione provata: 1.6 CDTI 4x4 Innovation
Prezzo della versione provata: 28.700 euro
Disponibile: subito
Potenza: 136 CV
Consumo medio: 4,7 l/100 km
Emissioni di CO2: 124 g/km
Velocità: 187 km/h
0-100 km/h: 10,3 secondi

Scheda Versione

Opel Mokka X
Nome
Mokka X
Anno
2012 (restyling del 2016)
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Opel , auto europee


Listino Opel Mokka

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4T Advance 152cv S&S 4x4 AT6 4x4 benzina 152 1.4 5 € 27.200

LISTINO

1.4T Innovation 152cv S&S 4x4 AT6 4x4 benzina 152 1.4 5 € 28.700

LISTINO

1.4T B-Color 152cv S&S 4x4 AT6 4x4 benzina 152 1.4 5 € 29.050

LISTINO

 

Top