dalla Home

Curiosità

pubblicato il 14 settembre 2016

Carrozzeria Touring, da 90 anni simbolo dell’auto italiana

Si aprono i festeggiamenti per le prime novanta candeline dell’atelier milanese: al Museo dell’auto di Torino si possono ammirare le auto simbolo

Carrozzeria Touring, da 90 anni simbolo dell’auto italiana
Galleria fotografica - Carrozzeria Touring, i primi novant'anniGalleria fotografica - Carrozzeria Touring, i primi novant'anni
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 1
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 2
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 3
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 4
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 5
  • Carrozzeria Touring, i primi novant\'anni - anteprima 6

Dopo 90 anni passati a modellare i sogni di ogni appassionato di motori, la Carrozzeria Touring è ancora oggi testimone (e protagonista) di un passato glorioso dell'automobilismo italiano. Era il 1926 quando Felice Bianchi Anderloni creò la Carrozzeria Touring a Milano: una vera sfida per un uomo che di meccanica ne sapeva (era un pilota e collaudatore di Isotta Fraschini), ma di design e carrozzeria un po'meno. Sfida vinta alla grande, perché da subito i clienti hanno cominciato a dargli fiducia e le auto da lui carrozzate col brevetto "Superleggera" hanno sbaragliato i campi di gara.

Dove si festeggia?

Dal 22 Settembre al 20 Novembre il Museo Nazionale dell'Automobile MAUTO di Torino ospiterà la mostra "Touring Superleggera", in cui saranno esposti undici modelli simbolo della Carrozzeria e si celebreranno i primi novant'anni della carrozzeria milanese: lo farà con un vero e proprio viaggio nel tempo, che dal passato proietta verso il futuro questo atelier. Futuro nel quale l'azienda crede fermamente, perché, come ha detto il CEO Piero Mancardi, "Touring vive a stretto contatto coi costruttori, i quali si affidano alle mani della Carrozzeria per creare serie limitatissime di auto o esemplari one-off commissionati da clienti speciali". I designer di Touring continuano a studiare le forme delle auto moderne e sono in continuo aggiornamento su una possibile evoluzione delle forme delle automobili, derivate dal cambiamento di propulsione: basti pensare alle vetture elettriche e al poco spazio che occupano i motori o si pensi anche alle auto del futuro, che potranno circolare autonomamente senza comandi e assomigliare, ad esempio, a salotti. In mostra ci saranno modelli diventati oramai leggenda, come ad esempio l'Aston Martin DB5 Coupé del 1963 (qualle di James Bond), la Ferrari 166, la Maserati 3500 GT del 1956, l'Alfa Romeo 6C 2500 SS del 1946, ma anche modelli più recenti come la Disco Volante del 2013, la Gumpert Tornante del 2011, la Maserati A8 GCS Berlinetta, concept del 2008, e la MINI Superleggera Vision del 2014.

Il passato sempre vicino al futuro

"Abbiamo scelto di illustrare lo sviluppo del design di Touring Superleggera attraverso una serie di modelli che meglio evidenziano la nostra capacità di adattarsi all'evoluzione degli autotelai, dei materiali e delle tecniche di produzione anticipando spesso i tempi, dettando tendenze e stili", spiega Louis de Fabribeckers, capo del design di Touring. Un percorso che, toccando le varie tappe che hanno segnato la storia della carrozzeria italiana, proietta il visitatore verso le nuove frontiere del design dei prossimi anni della carrozzeria milanese che ha contribuito, all'alba del ventunesimo secolo, alla rinascita della fuoriserie, restituendo al proprietario la facoltà di esprimere il proprio gusto personale in un'automobile unica.

Autore: Federico Lanfranchi

Tag: Curiosità , auto italiane


Top