dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 14 settembre 2016

Garanzia imprevisti da circolazione, le "polizze anti-sfortuna"

Sono tre i punti fondamentali da tenere in considerazione prima di stipulare un contratto. E occhio alle clausole

Garanzia imprevisti da circolazione, le "polizze anti-sfortuna"

Il mercato delle polizze assicurative auto è libero, e quindi ogni compagnia può proporre le garanzie che crede, al prezzo che ritiene opportuno. Questo vale per la Rca obbligatoria e per le polizze accessorie come quella Furto e incendio. Ma anche per tutte le altre pensate dalle imprese. Uno degli esempi più rilevanti è la "Garanzia imprevisti da circolazione". E, sempre a proposito di libertà assicurativa e tariffaria, ogni compagnia può chiamarla come crede. Conosciamola meglio in basso.

Tre punti fondamentali

1# Prima copertura. La "Garanzia imprevisti da circolazione" risarcisce le conseguenze di due tipi di… sfortuna. La prima copertura è la "Collisione con animali" d'affezione, da reddito o protetti. Significa una cosa semplice: se andate a sbattere contro un povero animale in strada, e la macchina si danneggia (basti pensare a un cinghiale con le conseguenze per l'essere vivente e per la vostra vettura), tutti i danni al veicolo vi verranno rimborsati dalla compagnia. Chiaramente, servirà provare per quanto possibile l'impatto con l'animale, anche dopo un'eventuale perizia assicurativa.

2# Esclusioni. Questa prima copertura non risarcisce i costi di traino, deposito, reimmatricolazione e/o revisione. Verrete risarciti solo per i danni alla macchina. Niente indennizzo neppure per una qualsiasi interruzione di attività, ossia se l'incidente ha creato una perdita sotto il profilo professionale (magari stavate andando a un appuntamento di lavoro).

3# Seconda copertura. L'altro tipo di garanzia è la "Collisione con auto non identificate". L'esempio è facile: un automobilista vi taglia la strada, e poi scappa, senza dare i propri dati, trasformandosi in pirata. La vostra compagnia riconosce un risarcimento per i danni subiti dalla vettura. Purché, anche in questo caso, ci siano tutti i presupposti del rimborso: serve dimostrare in qualche modo che i danni sono dovuti a un impatto contro un pirata della strada. Tecnicamente, inoltre, le clausole assicurative parlano di garanzia che opera se il sinistro è stato ritenuto totalmente risarcibile dal Fondo vittime della strada (risarcisce anche i danni da veicolo non identificato).

Massimali e franchigia

Occhio però: nel contratto "Garanzia imprevisti da circolazione" potrebbero esserci clausole importanti come i massimali, ossia gli importi massimi risarciti. Che magari variano a seconda del prezzo dell'auto assicurata. Inoltre, resta a vostro carico la franchigia di qualche centinaio di euro: quindi, con danno di 3.000 euro e franchigia di 300 euro, otterrete 2.700 di indennizzo.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Top