dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 9 settembre 2016

Viaggiare con il car sharing, attenzione ai regolamenti

Le società stipulano contratti differenti e impongono alcune limitazioni d'utilizzo per le loro vetture

Viaggiare con il car sharing, attenzione ai regolamenti

Un'auto presa a noleggio evoca libertà, fantasia, movimento a piacere. Dovrebbe essere così pure per il car sharing, che è un noleggio lampo, di qualche minuto o qualche ora, ma in Italia i contratti delle vetture in condivisione stanno diventando sempre più complicati. A braccetto con le limitazioni, ci sono le penalità: se sgarrate, pagate. E c'è poco da contestare: le società di car sharing hanno, per contratto, i dati della vostra carta di credito. E sempre per contratto, con clausole dettagliate, sono autorizzate ad addebitarvi una certa somma se avete infranto le regole. Ovviamente, le regole cambiano a seconda della società, ma in basso vi riportiamo quelle cui prestare più attenzione.

I punti chiave

1# Sosta. Il car sharing consente di sostare gratuitamente sulle strisce blu (quelle a pagamento) e sulle strisce gialle (quelle riservate ai residenti). Ma se sostate su altre aree vietate, la società vi girerà la multa che le verrà inviata dal Comune: una sessantina di euro, come minimo. Al di là di qualche eccezione (come la grande ZTL di Milano, ossia l'Area C), nelle altre normali Ztl l'accesso è vietato: un centinaio di euro di sanzione. In base alla società di car sharing, se alla fine del noleggio l'auto viene lasciata in periferia, potreste vedervi addebitare un sovrapprezzo rispetto a una sosta in centro.

2# Fuori area. Fuori dall'area di copertura della città dove è iniziato il noleggio, il gestore potrà addebitarvi una certa somma (può essere sui 50 euro) al superamento dei primi 25 chilometri percorsi dal limite esterno dell'area stessa. Dopo il primo addebito anticipato, i successivi addebiti saranno applicati al percorrere di ogni 50 chilometri in allontanamento dall'area fino a un massimo di un tot (può essere sui 300 euro). Controllate se potete viaggiare ovunque: fuori città, al Sud Italia, all'estero.

3# Danni. Saranno a carico vostro i danni causati al veicolo da dolo o colpa grave, nonché i danni al veicolo non comunicati al termine del noleggio secondo le modalità previste dal contratto. Resta inteso che, è fatta salva la facoltà di dimostrare che il danno è dipeso da cause a voi non imputabili.

4# Dati. Dovrete mantenere sempre aggiornati i propri dati personali inseriti nel portale Internet, in particolare l'indirizzo dell'abitazione, l'indirizzo e-mail, il numero di cellulare, le informazioni della carta di credito e/o ogni altra informazione che sia rilevante per il pagamento. Qualora i dati si rivelassero non aggiornati, il gestore si riserva il diritto di bloccare temporaneamente il conto e il suo accesso ai servizi.

5# Guai. Se durante l'utilizzo da parte del veicolo, questo viene danneggiato, o se un qualunque danno ovvero una perdita/furto dell'auto si verifica per colpa o dolo, ne rispondete nel limite di una franchigia (può essere sui 500 euro). Vi verrà addebitata una franchigia di 100 euro qualora siate responsabili dell'incidente causando danni a terzi. Resta ferma ogni eventuale ulteriore responsabilità che ecceda il limite della franchigia.

Modifiche al contratto

Ricordate: il gestore potrà in qualsiasi momento aggiornare, integrare o modificare per giustificato motivo le disposizioni del contratto a mezzo di pubblicazione sul sito e mediante comunicazione diretta al cliente all'indirizzo e-mail comunicato. Il gestore si riserva il diritto di negare l'adesione al servizio sulla base di sua insindacabile valutazione sulla solvibilità del potenziale cliente. E può chiudere il contratto se il cliente si comporta in modo, a dire del gestore, scorretto.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top