dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 settembre 2016

Nuova Renault Scenic, ecco com'è nato "Ningyo"

E' il primo cortometraggio modulare al mondo. Il regista è quello di “Lo chiamavano Jeeg Robot” ed è stato presentato a Venezia

Nuova Renault Scenic, ecco com'è nato "Ningyo"
Galleria fotografica - Nuova Renault ScenicGalleria fotografica - Nuova Renault Scenic
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 1
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 2
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 3
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 4
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 5
  • Nuova Renault Scenic - anteprima 6

Design, tecnologia e modularità: queste sono le tre parole che secondo Renault caratterizzano la nuova Scenic. Come trasferire questi concetti al grande pubblico? La casa francese ha pensato ad un cortometraggio modulare: un esperimento mai fatto prima da nessun'altra casa automobilistica. Un film interattivo, dalle cui scene filtrano, quasi in modo inconsapevole le caratteristiche della nuova Scenic. L’auto si vede poco ma design, tecnologia e modularità sono palpabili. Dove presentare il cortometraggio? La storia di Renault è legata a quella del cinema fin dai suoi esordi in Francia, nel 1895. A quell’epoca, le fabbriche sorgevano accanto ai primi studi cinematografici, a Billancourt. Da allora Renault è presente ai maggiori festival cinematografici mondiali. Dal 2014 poi, Renault è partner della Mostra Internazionale D’arte Cinematografica della Biennale di Venezia. Ecco quindi che l’occasione si pone su un vassoio d’argento e, la prima del cortometraggio, è proprio in occasione della 73esima Mostra di Venezia. Nel giorno in cui sfila sul red carpet Natalie Portman che presenta Jackie (un film che racconta i giorni di Jackie Kennedy subito dopo l’uccisione del marito), c’è anche lei, la nuova Scenic.

Il regista è quello di “Lo chiamavano Jeeg Robot”

A chi viene affidato l’incarico di creare un cortometraggio la cui caratteristica principale doveva essere la modularità? Renault ha chiesto a diversi registi e quello che meglio ha interpretato il concetto è stato Gabriele Mainetti, pluripremiato nel 2015 per “Lo chiamavano Jeeg Robot”. A lui quindi l’incarico di sviluppare questo progetto ambizioso. Mainetti ha creato la squadra: Nicola Guaglianone è lo sceneggiatore, Alessandro Borghi e Aurora Ruffino i protagonisti, insieme, naturalmente, alla Scenic. Ecco che nasce “Ningyo”: tre moduli che possono essere composti in modo diverso per dar vita a sei storie differenti. Girato interamente a Roma, sono servite “solo” 14 ore di riprese per crearlo, molto meno rispetto al tempo impiegato per prepararlo, scriverlo e per “educare” gli attori. Una curiosità: ci sono evidenti richiami a "Splash - Una sirena a Manhattan", quindi ci sono scene in mare sott’acqua e i due attori hanno dovuto fare un corso di apnea e Aurora anche quello per imparare ad usare la monopinna! Sott’acqua comunque ci sono andati proprio tutti: regista compreso che era con gli attori durante le riprese. In una scena poi, Borghi doveva sprofondare negli abissi marini e, per rendere più verosimile la scena, è stato legato e tirato a fondo da quattro persone! Forse però la cosa più difficile l’ha fatta proprio Alessandro Borghi che ha dovuto contemporaneamente rappresentare emozioni diverse nella stessa scena: tristezza, dolore, speranza, che devono emergere diversamente in base a dove viene inseriro il modulo, se all’inizio, alla fine o al centro della storia.

Ed ecco che nasce Ningyo

Il progetto ambizioso è stato sicuramente di non facile realizzazione ma, quando alla fine della proiezione, tutti si sono ritrovati sul palco, si è capito immediatamente qual è la chiave del successo: l’amicizia e l’affiatamento. Regista, sceneggiatore e attori sono amici di vecchia data e, grazie alla loro intesa, il risultato è stato garantito. Renault aveva lasciato loro carta bianca, come hanno raccontato sia Mainetti che Fontana Giusti e anche questo ha permesso la riuscita del cortometraggio modulare. Il richiamo con la nuova Scenic è evidente e, anche se la macchina appare poco, rimangono ben chiare in mente le sue caratteristiche principali: come posso crearmi il mio cortometraggio, così posso crearmi la mia auto, a seconda del viaggio che devo fare o di chi devo portare. E adesso non rimane che andare sul sito www.nuovascenic.it/ningyo e creare il proprio cortometraggio personalizzato.

Nuova Renault Scenic, il trailer di "Ningyo"

Presentato alla 73esima Mostra di Venezia, è il primo cortometraggio modulare e vede la monovolume protagonista.

Scheda Versione

Renault Scenic
Nome
Scenic
Anno
2016
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Monica Secondino

Tag: Curiosità , Renault , cinema


Top