dalla Home

Curiosità

pubblicato il 6 settembre 2016

The Grand Tour, niente a che vedere con Top Gear

Il nuovo programma del trio Clarkson, Hammond e May è tenuto sotto osservazione dagli avvocati di BBC

The Grand Tour, niente a che vedere con Top Gear
Galleria fotografica - Jeremy Clarkson a Top GearGalleria fotografica - Jeremy Clarkson a Top Gear
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 1
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 2
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 3
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 4
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 5
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 6

Immaginate di essere immersi nello spettacolare paesaggio della savana africana e non poter esclamare "Che bel panorama!", pena vedersi recapitata la lettera di un avvocato agguerrito. Sembra assurdo ma è proprio quello che è successo a Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May durante le riprese del loro nuovo The Grand Tour. I legali della BBC sono stati sul fiato sul collo al trio e a tutto lo staff di autori del nuovo show itinerante per assicurarsi che non ci fosse alcun tipo di somiglianza con il format internazionale di Top Gear, di proprietà dell'emittente di Stato britannica.

Questo significa che non vedremo né lo Stig (come era prevedibile) né un suo facsimile, ma neanche una sezione riservata alle news o una pista su cui i conduttori effettueranno i test. La cosa curiosa è che però gli avvocati della BBC stanno perfino analizzando i copioni del programma frase per frase, tanto da essere arrivati ad avvisare Clarkson che non potrà dire "che bel panorama" quando si troverà in Namibia perché lo ha già detto quando, girando Top Gear UK, si trovava in Botswana. Conoscendo il carattere pungente di Jezza, negli episodi di The Grand Tour (i primi arriveranno in autunno) c'è da aspettarsi qualche frecciatina su questa simpatica - quanto assurda – situazione.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , top gear


Top