dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 settembre 2016

Dossier Pit Game

Thrustmaster T300 Ferrari GTE, volante da professionisti [VIDEO]

Qualità, precisione e forza bruta. Lo abbiamo provato su PS4 con il simulatore Assetto Corsa

Thrustmaster T300 Ferrari GTE, volante da professionisti [VIDEO]
Galleria fotografica - Thrustmaster T300 Ferrari GTEGalleria fotografica - Thrustmaster T300 Ferrari GTE
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 001 - anteprima 1
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 002 - anteprima 2
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 003 - anteprima 3
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 001 - anteprima 4
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 002 - anteprima 5
  • Thrustmaster T300 Ferrari GTE 003 - anteprima 6

La domanda capita di leggerla e sentirla spesso. Ha senso investire in un volante gaming premium per console? La risposta non è scontata ma questo 2016 e la carrellata di titoli che sta portando con sé aiuta a propendere per il sì. Giochi come Assetto Corsa (qui la nostra recensione completa, qui l’intervista agli sviluppatori), che dopo aver conquistato gli appassionati di racing di tutta Italia su PC è appena sbarcato su PS4 e Xbox One, si inseriscono in una categoria a sé. Sono simulatori di guida veri e propri e per essere goduti esigono tre parole d’ordine: immersione totale, precisione e hardware di livello. Comandamenti su cui fa leva anche il Thrustmaster T300 Ferrari GTE Wheel: un volante preciso, premium e che si candida come compagno di giochi ideale per chi ama la simulazione estrema di titoli come Assetto Corsa (o Project Cars). Ecco perché secondo noi è l’amichetto giusto nella nostra recensione.

I dettagli che fanno la differenza

300 euro di prezzo medio, compatibilità con PlayStation 4, 3 e anche PC, force-feedback di livello superiore e qualità dei materiali di categoria premium. Se dovessimo stilare una carta d’identità del T300 l’avremmo scritta così, aggiungendoci che prende il piede e migliora le caratteristiche del già ottimo TX Ferrari 458 Italia Edition e come il fratello per PC e Xbox One è ispirato al volante montato sulla Ferrari 458 Italia Challenge. Si tratta in realtà di una vera e propria riproduzione 7:10, che proprio nella sua fedeltà all’originale trova i pochi difetti che possiamo appuntargli. I tasti incastonati sulla corona in dotazione sono repliche fedeli, anche nelle descrizioni, e così al posto dei classici L3 ed R3 troviamo i più ostici Radio, Water, Wiper, Flash e Scroll. Un omaggio alla Rossa di Maranello, uno sgarbo alla memoria, che faticherà qualche minuto per archiviare l’informazione. Nulla di terrificante, ma l’appunto va fatto, come va annotata una disposizione di tasti sulle razze a tratti non comodissima, ad incominciare da quella del tasto PS. Pulsanti che però sembrano soldi e restituiscono un feeling da periferica di livello superiore come le plastiche utilizzate su tutto il resto del volante. Pecca a tratti la pedaliera in alluminio, ma nel complesso la qualità c’è e si sente.

Come va

Quello che si percepisce di più però è la precisione. Valgono gli stessi mantra di Assetto Corsa: quello che ci si può aspettare da una periferica come il T300 è la simulazione pura, anche su console. Con il titolo giusto, il motore Brushless di classe industriale montato su questo volante è in grado di restituire un force-feedback efficace, potente, lineare, fluido. Gli aggettivi si sprecano, ma l’effetto è tanto vigoroso che su alcuni titoli siamo stati costretti a regolare il valore di forza per non essere costretti a sudare – letteralmente – sette camice per tenere l’auto in pista. Un motore che non è una perla isolata, ma che si affianca ad un nuovo meccanismo di frizione a doppia cinghia e alla tecnologia H.E.A.R.T. (Hall Effect AccuRate Technology), che sfrutta un sensore magnetico per garantire una sterzata precisa (ed un ciclo vitale inevitabilmente più lungo). Aggiungete un angolo di sterzata regolabile di 1080° e la magia è compiuta.

In conclusione, per i veri appassionati

Per i super-appassionati Thrustmaster rende disponibili anche altri moduli aggiuntivi come lo shifter TH8A da 7+1 marce in metallo – un cambio manuale che può essere impostato anche su sequenziale – o sostitutivi come le corone alternative (come la Ferrari F1 Addon, replica del volante della monoposto da F1 del 2011). Aggiunte costose, pensate per gli appassionati, ma per chi vuole ricreare una stazione di simulazione con la sua PS4 e – per esempio – Assetto Corsa possiamo consigliare di andare tranquillamente sul T300 in versione "base": potenza ce n’è e ce n’è tanta, precisione in abbondanza e qualità ai massimi livelli. Il nuovo Thrustmaster sarà anche californiano, ma sembra essere il compagno di giochi ideale per l’italianissimo Assetto Corsa.

 

Per saperne di più vai al sito ufficiale: http://www.thrustmaster.com/it_IT

Thrustmaster T300 alla presentazione di Assetto Corsa

Il Thrustmaster T300 protagonista a Vallelunga durante la presentazione del simulatore di guida Assetto Corsa.

Autore: Francesco Cristelli

Tag: Curiosità , videogiochi


Top