dalla Home

Curiosità

pubblicato il 6 settembre 2016

Dossier Pit Game

Assetto Corsa, l’Italia corre anche su console [VIDEO]

Dopo quattro anni dal lancio per PC, il simulatore di guida sbarca su PS4 e Xbox One. Ecco come va

Galleria fotografica - Assetto CorsaGalleria fotografica - Assetto Corsa
  • Assetto Corsa 014 - anteprima 1
  • Assetto Corsa 011 - anteprima 2
  • Assetto Corsa 012 - anteprima 3
  • Assetto Corsa 008 - anteprima 4
  • Assetto Corsa 058 - anteprima 5
  • Assetto Corsa 059 - anteprima 6

Ci sono i videogiochi di auto e ci sono poi i simulatori di guida. Ci sono i pc e ci sono poi le console. C’è il patriottismo fine a se stesso e c’è poi il sano orgoglio nel riconoscere i buoni progetti che nascono, crescono e arrivano a maturazione nel Belpaese. Quale che siano la nostre scuole, per un appassionato di auto e videogiochi c’è poi Assetto Corsa. Kunos Simulazioni a quattro anni di distanza dal primissimo lancio del videogioco per PC e dopo aver raccolto applausi ed apprezzamenti ha deciso di portare la sua creatura su PS4 e Xbox One. L’obiettivo era semplice a dirsi, insidioso a farsi: non perdere per strada l’anima che hanno reso nota la versione per PC nel passaggio alle consolle in mezzo mondo. Centrato? Per chi cerca la risposta semplice: sì, Assetto Corsa anche su PS4 e Xbox rimane un simulatore nel senso stretto del termine - realistico fino all’eccesso, godurioso per ogni vero appassionato di motori -, rimane italiano al 100% - inclusa la pubblicazione che fa capo a 505 Games, parte di Digital Bros – e in piena filosofia Kunos Simulazioni promette di migliorare col tempo e lo si può acquistare da subito al prezzo ridotto di 49,90€. Per chi la vuole lunga c’è la nostra recensione: abbiamo parlato con gli sviluppatori, provato a fondo la rinnovata creatura di Kunos Simulazioni insieme al nuovo volante Thrustmaster T300 Ferrari GTE Wheel (qui la recensione della periferica) ed ecco cosa ne pensiamo!

Dal PC alla console, un passo non così breve

Quattro anni fa, il 22 febbraio del 2013, quando un piccolo team di sviluppatori italiani lanciò nel silenzio generale un nuovo simulatore di guida su Steam Early Access, in pochi avrebbero scommesso su di loro. Sì, c’era il precedente del buon Ferrari Driving Academy; sì, fa sempre piacere provare un prodotto italiano, ma forse proprio perché nato nel Belpaese la diffidenza della massa era palpabile e forse ancora si respira mettendo vicini Assetto Corsa a mostri sacri del mondo gaming come Gran Turimo o Forza Motorsport, eppure l’avvicinamento calza. Il piccolo team di Kunos Simulazioni – una ventina di persone, un David a confronto con i Golia che sono Polyphony Digital o Microsoft Studios – non si è crogiolato nell’italianità per ritagliarsi una fetta di mercato ma ha puntato sulla qualità – altissima – sul lungo termine. Release dopo release, Assetto Corsa ha ampliato il parco macchine, impreziosito i tracciati e perfezionato il suo maggiore selling point: un gameplay e un motore fisico da verso simulatore, che mette il "gioco" di Kunos Simulazioni in parte in una categoria a sé, tanto che chiamarlo videogioco quasi sembra un affronto. In quattro anni Assetto Corsa si è fatto amare da tutti gli appassionati di motori stanchi dei compromessi al ribasso simil-arcade dei videogiochi più blasonati e nel mondo PC gaming ha un brand che ormai è secondo a ben pochi.

Modalità di gioco

Le oltre 90 vetture disponibili in Assetto Corsa rendono vario e competitivo questo titolo, che anche grazie alle varie modalità di gioco ci fa rimanere con il coinvolgimento al massimo. Nel singleplayer possiamo scegliere se fare una gara veloce, iniziando così direttamente dalla partenza, oppure una gara completa, con tanto di giri di prova e sessioni di qualifica. Se invece vogliamo migliorare i nostri tempi su tutte le 27 configurazioni di tracciato, tra cui i famosissimi circuiti di Silverstone, Circuit de Spa-Francorchamps, Autodromo Nazionale di
Monza, Nürburgring etc, ci sarà la modalità Hot Lap, in cui siamo solo noi, l'auto e il percoso scelti, ed il cronometro. Assetto Corsa tuttavia non è solo un simulatore di guida per gareggiare in pista; infatti nella modalità Drift ci si può sbizzarrire, disattivando il controllo di trazione, tra sovrasterzi e controsterzi in un tracciato creato appositamente per questa modalità. In Time Attack invece, dobbiamo arrivare in un determinato punto del circuito in un limite di tempo definito da un countdown, alimentando così in noi un ulteriore livello di sfida. Tutte le modalità di gioco elencate fino ad ora le ritroveremo nella modalità Carriera, che sarà per i giocatori una parte sostanziosa del gioco, avendo la possibilità di giocare sfruttando al meglio tutte le auto di ogni categoria in tutte le tipologie di gare presenti nel gioco. Come sanno bene gli utenti Steam, una fetta grande ed importante di questo gioco è il multiplayer. Infatti anche nella versione Playstation 4 ed Xbox ONE, Assetto Corsa offre la possibilità agli utenti di condividere le proprie esperienze di guida con i propri amici o pubblicare i propri tempi sui vari circuiti in classifiche nazionali e mondiali

La parola agli sviluppatori

Su consolle la storia però è diversa, l’hardware è limitato, il pubblico è spesso più casual e i rischi di toppare sono tanti, almeno quanti i mesi che sono serviti al team per sviluppare la nuova versione. "Il passaggio di piattaforma non è stato immediato. Assetto Corsa processa molte immagini, molti dati, e abbiamo dovuto rivedere un po' il motore grafico per adattarlo a macchine meno potenti di un computer", ci hanno raccontato gli sviluppatori di Kunos Simulazioni (qui la nostra chiacchierata completa) per farci capire gli ostacoli incontrati. Un lavoro importante che però ha dato i suoi frutti: Assetto Corsa su PS4 e Xbox One con qualche piccolo compromesso nelle aree giuste rimane uno dei migliori – se non il miglior – simulatore di guida su PC e ora anche su console.

Qualità, non quantità

La forza sta nella qualità e non nella quantità. Le auto disponibili sono "solo" 100 tra Abarth 500, Alfa Romeo Giulietta e supercar di livello come Team Lotus 98T, la Pagani Zonda R, la Ferrari LaFerrari, la Mercedes C9 e la McLaren 650S GT3. I tracciati si fermano a 20 e spaziano da Silverstone a Spa-Francorchamps, dall’Autodromo Nazionale Monza a Vallelunga (casa del team Kunos Simulazioni) al Nürburgring-Nordschleife. Il gioco è sia offline con le modalità Carriera e Eventi Speciali che online. Specifiche che dette così non impressionano, ma dovrebbero perché ogni auto è riprodotta dal suono del motore in su fin nei minimi particoli, perché ogni tracciato è la copia mappata millimetro per millimetro con la tecnologia Laser Scan degli originali, perché il multiplayer ha finalmente un’architettura a server dedicati e non peer to peer. E poi perché c’è il motore di simulazione che unito con il DualShock 4 di PS4 o – come nel nostro caso – con il Force Feedback di precisione del nuovo Thrustmaster T300 Ferrari GTE Wheel catapulta in pista: le sensazioni sono da trackday, gli inserimenti in curva, gli accenni di scodata, sotto e sovrasterzi sono riprodotti fin nel minimo dettaglio e ad aiuti elettronici disattivati regalano un’esperienza di guida simulata quanto mai vicina alla realtà. La migliore che si possa trovare su PC e su console al momento.

La tecnica del dettaglio

Qualche rinuncia c’è, ad incominciare da un IA reattiva, combattiva ed agguerrita, ma con qualche incertezza qui e là, e da una qualità inferiore delle texture di elementi del contorno che però dimostrano una perdita davvero contenuta. Tutto sommato, dato l’hardware limitato offerto dalle consolle Sony e Microsoft, il team di Kunos Simulazioni ha fatto miracoli, mantenendo per Assetto Corsa un framerate stabile a 60 fps anche nelle fasi più concitate delle gare e – almeno su PS4 – risoluzione canonica a 1080p. Un comparto tecnico che nel complesso regge e fa da spalla all’ottimo gameplay, a menù meglio navigabili con pad e diverse modalità di gioco tra cui Gara Veloce, Week-end completo (con tanto di prove, qualifiche e gara), Hotlape, Sfide a tempo e gare Drfit tanto per citarne alcune.

La prova di Frax

Il modello di guida di Assetto Corsa considera ogni piccolo dettaglio e parametro, trasmettendo al player un comportamento fedele e realistico della macchina in pista. Il sistema di guida è stato riadattato per permettere ai console gamers di poter guidare anche con il pad, però l'attivazione dei controlli di trazione dell'auto saranno d'obbligo. Difatti senza un volante con un buon Force Feedback come il T300 di Thrustmaster è veramente difficile poter scendere in pista senza aiuti: con i controlli disattivati e solo un pad alla mano sarà veramente difficoltoso affrontare la prima curva. Assetto Corsa regala pura simulazione di guida all'utente hardcore che si cimenta con volante e pedaliera, ma riesce ad essere anche arcade per il casual gamer che affronterà la pista con un Joypad. La cosa più divertente ed intricata è la possibilità di cambiare praticamente ogni parametro nell'assetto della macchina, dalle barre anti-rollio all'aerodinamica, provandola successivamente in pista verificando la risposta dell'auto in curva, sui cordoli o in frenata. Il gioco gira a 1080p a 60 frame al secondo, con sensibili cali intorno ai 40-50 fps nelle partenze e, nonostante questo, il gameplay risulta sempre molto fluido e solido. Tutti i rombi dei motori delle oltre 90 macchine di Assetto Corsa, sono stati campionati uno ad uno, trasmettendo all'utente un'immedesimazione totale nel gioco. Addirittura il rumore del motore è diverso a seconda della visuale di gioco. Infatti se guidiamo con visuale interna alla macchina il rombo sarà ovattato, e cambierà per ogni visuale diversa, riuscendo a trasmettere molto la sensazione di essere li, e di sentire davvero quel preciso rumore alla guida di quella precisa auto. A volte si ha piacere a fare un giro in pista anche solo per ascoltare.

In conclusione, lo abbiamo amato

Non lo nascondiamo: Assetto Corsa su console ci è piaciuto e potremmo continuare a scrivere per ore. In sintesi il nostro consiglio è di provare la creatura di Kunos Simulazioni e 505 Games (Digital Bros). Non per il prezzo di lancio aggressivo – solo 49,90 € - e non per sterile patriottismo, ma perché se un prodotto è ottimo, lo è anche (o soprattutto) quando è italiano.

Publisher: 505 Games
Sviluppatore: Kunos Simulazioni
Data di uscita: già disponibile
Piattaforme: Playstation 4, Xbox One
Genere: Simulazione di Guida
Valutazione: Pegi 3+
Prezzo: 49,90€
Scopri di più: www.assettocorsa.net

Autore: Francesco Cristelli & Frax

Tag: Curiosità , videogiochi


Top