Da Sapere

pubblicato il 25 agosto 2016

Pulizia del volante, ecco come si fa

Una detersione periodica aiuta a prevenire danneggiamenti e salvaguardare la salute di chi guida

Pulizia del volante, ecco come si fa

No, non basta impugnare spesso il volante per tenerlo pulito: occorre anche detergerlo periodicamente. Serve però una sostanza adatta, in modo che il volante non attragga polvere ancora più di prima. Tenete presente che la battaglia contro lo sporco sul volante sarà tanto più dura quanto numerosi i nemici: lo smog che entra nell’abitacolo (inevitabile nelle metropoli), il fumo di sigaretta dovuto a chi fuma in macchina, e, questo va ricordato, la stessa igiene delle mani di chi guida la vostra vettura. Ecco qualche dritta per pulire il volante.

Come fare

1# Per tutti. Per il volante in plastica o in pelle, passate un panno in microfibra perfettamente pulito, magari appena umido. Non commettete l’errore classico: pulire il volante per ultimo, dopo che lo stesso panno è già stato passato su altre strutture interne della vettura. Altrimenti trasferirete lo sporco dallo straccio al volante. Se proprio volete evitare di comprare un secondo panno, sciacquate bene l’unico che avete (in acqua pulita), strizzatelo e poi passatelo sul volante. In alternativa esistono anche panni speciali, già in inumiditi.

2# In plastica. Per il volante in plastica, si capisce che è sporco anche perché diventa colloso e appiccicoso. Passate il panno appena inumidito e lasciate asciugare. In più, potete scegliere un detergente universale (in genere uno “spruzzino”, a pochi euro nei supermarket): va bene uno di quelli adatti per la pulizia degli interni. Sia dei tessuti sia della plastica. L’ideale è che la formula del detergente sia priva di silicone, così da garantire un effetto antistatico sulle plastiche. Il volante non attrarrà la polvere in fretta anche se è chiaro che, col tempo, lo sporco tornerà a formarsi. Uno volta spruzzato il detergente adatto, passate un panno in microfibra asciutto.

3# In pelle. Se il volante in pelle perde di luminosità, significa che è sporco. Potete limitarvi a passare un panno in microfibra umido. In alternativa, se proprio il volante è vecchio o di scarsa qualità e tende a sporcarsi in fretta, scegliete un prodotto specifico, una crema protettiva per la pelle del volante e poi ripassate il panno in microfibra asciutto. No agli abrasivi invece, che sono molto dannosi, con macchie evidenti specie sui delicati volanti in pelle bianca.

Anche per la salute

La pulizia del volante è preziosa anche per la salute di chi guida. Infatti, lo sporco passa facilmente dalle dita agli occhi o al naso: in modo inconsapevole, durante un viaggio o nella giornata, ci si tocca più volte il viso, tanto che i medici consigliano di lavare spesso le mani per evitare il contagio dei virus influenzali. Analogamente, la pulizia del volante e delle mani stesse impedisce il trasferimento dello sporco agli occhi e al naso.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , manutenzione


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 57
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 35
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 33
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top