dalla Home

Curiosità

pubblicato il 24 agosto 2016

Colpi di sonno, un getto di aria fredda per evitarli

L’idea arriva dalla Denso ed è in fase di sviluppo: così migliorano i tempi di reazione

Colpi di sonno, un getto di aria fredda per evitarli

I colpi di sonno rappresentano una minaccia fra le più allarmanti in termini di sicurezza stradale, tanto da essere stabilmente fra le prime cause di incidente: la sonnolenza, come dimostrato da una ricerca britannica, è all’origine di un impatto su cinque fra quelli che si verificano nel paese. La società giapponese di componentistica Denso vuole risolvere il problema grazie ad un sistema oggi in fase di sviluppo, che utilizza tecnologie presenti sul mercato e dovrebbe rivelarsi di facile applicazione: una telecamera riconosce i sintomi di un colpo di sonno e mette in funzione il climatizzatore, che invia un getto di aria fredda in direzione dell’automobilista, aiutandolo così a svegliarsi

L’efficacia di tale soluzione è provata da uno studio, che dimostra un miglioramento delle prestazioni cognitive quando la temperatura all’interno di un ambiente è nell’ordine dei 21°/22° gradi centigradi. Oltre i 23°, secondo la ricerca, la prontezza di riflessi si affievolisce e i tempi di reazione aumentano. La telecamera riconosce quando il conducente accusa i primi segnali di stanchezza (la testa che ciondola, le palpebre che sbattono più di frequente) e abbassa di conseguenza la temperatura dell’abitacolo, in maniera da far attenuare la sensazione di sonnolenza. Una telecamera di questo genere è utilizzata per il sistema Attention Assist della Mercedes, che riconosce il sopraggiungere della stanchezza e consiglia al guidatore di fermarsi per qualche minuto.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , salute , sicurezza stradale


Top