dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 19 agosto 2016

Vacanze estive, come evitare gli incidenti

I consigli delle assicurazioni per chi viaggia in auto

Vacanze estive, come evitare gli incidenti

L'Ania, l'Associazione delle compagnie assicuratrici, lancia l'allarme incidenti, dopo che l'Istat ha reso noti i dati del 2015: "Oltre all'aumento delle vittime dell'1,1%, il primo dopo 15 anni di costante diminuzione, ciò che preoccupa è il sensibile incremento dei feriti gravi: una crescita del 6% che, in termini assoluti, vuol dire circa 1.000 feriti in più nel 2015 rispetto al 2014. Balza agli occhi anche il rapporto tra feriti gravi e morti, che nel Mezzogiorno è pari a 5,3, superiore di mezzo punto rispetto al 2014 e di 2 punti rispetto al 2012. Un valore ampiamente al di sopra rispetto alla media italiana". Ed ecco allora che, in questo periodo di viaggi estivi in cui si registrano picchi nei sinistri, le assicurazioni snocciolano consigli per chi si pone al volante.

Cinque norme d'oro

Per prevenire gli incidenti, la prima regola dettata dalle compagnie riguarda lo smartphone: "Rinunciare al cellulare mentre si guida". Curioso che l'Ania suggerisca di rinunciare del tutto al telefonino: c'è il divieto di guidare con l'apparecchio in mano e le compagnie neppure prendono in considerazione la possibilità di utilizzare vivavoce o auricolare, come consente il Codice della Strada. Gli altri consigli? Anzitutto, allacciare correttamente le cinture di sicurezza (anche sui sedili posteriori): al Sud, le percentuali di chi vìola quest'obbligo sono drammatiche. Ma anche rispettare i limiti di velocità. E, prima di partire, non bere alcolici e ed eseguire i soliti controlli all'auto. "Dall'analisi dei dati del 2015 - evidenzia l'Ania - emerge che la distrazione è la prima causa di incidente stradale, seguita dalla velocità e dal mancato rispetto delle regole del codice della strada. Una nostra indagine demoscopica ha evidenziato come oltre la metà di chi ha avuto un incidente ammette che la distrazione è stata la causa".

Rc auto, quale futuro?

Sempre in tema di incidenti, considerando l'aumento di quelli mortali, e la possibile approvazione del Disegno legge Concorrenza (con la scatola nera obbligatoria e gratuita e con gli sconti per i guidatori virtuosi del Sud), poco gradita all'Ania, il dubbio è lecito: nei prossimi mesi, si assisterà a un rincaro delle tariffe? L'Associazione delle assicurazioni è sibillina: "Le nuove norme sugli sconti, oltre a contraddire il principio della concorrenza e del rafforzamento del mercato, scompensano l'equilibrio dell'attuale sistema Rc auto determinando un'inevitabile redistribuzione dei costi tra gli assicurati a danno di quelli con più bassa rischiosità".

Autore: Redazione

Tag: Attualità , incidenti , guida sicura , assicurazioni , viaggiare


Top