dalla Home

Attualità

pubblicato il 18 agosto 2016

Hyundai con Google per la guida autonoma

Ancora non ci sono le firme, ma la trattativa è iniziata

Hyundai con Google per la guida autonoma

Non passa giorno, ormai, senza che qualche azienda grande, media o piccola faccia un annuncio in merito all’auto connessa e a guida autonoma. Una nuova tecnologia, un sensore più potente, un’interfaccia rivoluzionaria, ma anche accordi e alleanze tra colossi dell’industria, che uniscono le proprie forze per meglio affrontare la (difficile) sfida che li attende sul fronte della mobilità del futuro. Sfida che è anche e soprattutto un’imperdibile opportunità di business e che per questa ragione sta attirando investimenti da ogni parte del mondo e con legami sempre più fitti e intricati. L’ultimo, in ordine di tempo, si sta creando tra la Corea del Sud e la Silicon Valley, tra Hyundai e Google (a Mountain View a loro volta hanno bisogno di partner solidi, visto che lo sviluppo della Google Car procede, ma con qualche intoppo). I dettagli ancora non si conoscono, anche perché - stando alle dichiarazioni ufficiali giunte dalla Corea - non esistono: la trattativa è solo all’inizio.

Per il gruppo coreano, al di là dell’importanza che questo accordo può rivestire da un punto di vista tecnico, si tratta di una significativa inversione di tendenza rispetto a quanto mostrato finora: Hyundai-Kia è infatti tra i colossi automobilistici più “liberi”, uno di quelli che ha sempre schivato il più possibile partnership e joint-venture. Fino a qui, anche nel campo della guida autonoma c’era stata massima indipendenza. La partita è però di cruciale importanza per il destino di ogni costruttore e nessuno può permettersi il lusso di rimanere isolato. Gli investimenti richiesti sono così grandi, le competenze così vaste e approfondite, che la strada dell’unione delle forze è praticamente obbligata.

Autore:

Tag: Attualità , Hyundai , auto americane , auto coreane , guida autonoma


Top