dalla Home

Accessori

pubblicato il 15 novembre 2007

Dalla BorgWarner arriva il nuovo cambio DSG

Più efficiente della prima versione grazie ad una nuova architettura

Dalla BorgWarner arriva il nuovo cambio DSG

A molti estimatori delle auto tedesche la sigla DSG suonerà familiare. E' infatti l'acronimo di Direct-Shift Gearbox, il cambio automatico a 6 rapporti che debuttò sulla Volkswagen Golf R32 all'inizio del 2003 e che da allora viene impiegato da altri modelli del Gruppo di Wolfsburg.

E' un cambio automatico a doppia frizione prodotto dalla americana BorgWarner. Un esempio pratico del suo funzionamento potrebbe essere così rappresentato: mentre si è in terza marcia, la quarta è già inserita, ma disattivata dalla frizione corrispondente. Man mano che si avvicina il punto ideale di cambiata la frizione della terza marcia si apre, mentre quella della quarta si chiude. Il vantaggio di questo sistema è che la trazione rimane perlo più costante e, secondo il progettista, consente di risparmiare il 5% di carburante rispetto ai tradizionali sistemi di cambio automatico.

Ovviamente tutto questo prevede una bella complicazione di cinematismi, ma la stessa BorgWarner ha annunciato pochi giorni fa una nuova versione del DSG ancora migliore, che garantisce un'efficienza superiore del 2% rispetto alla versione tuttora prodotta.

Nel cambio DSG attuale le due frizioni lavorano in bagno d'olio, una soluzione che però aumenta la resistenza idraulica ed bisogno di relative pompe adeguatamente dimensionate. Nella nuova versione, invece, si è optato per una soluzione ad ambiente umido, che richiede meno lubrificazione e una pompa di mandata ridotta, così gli attriti idraulici e il peso degli organi in movimento sono minori, ed ovviamente questo è un vantaggio nell'efficienza globale del sistema. Conseguentemente sono stati migliorati i materiali, adesso più resistenti all'usura e al calore.

Il nuovo cambio ha fatto la sua prima apparizione al Tokyo Motor Show sulla Nissan GT-R e, fra gli altri Marchi, è previsto il suo impiego anche sulla BMW M3 al posto del vecchio SMG. Insomma, per i cambi a doppia frizione si prevede una diffusione sempre più ampia negli anni a venire: prestazioni e consumi ringraziano!

Autore:

Tag: Accessori , Volvo


Top