dalla Home

Accessori

pubblicato il 15 novembre 2007

Il navigatore satellitare "non va di moda"

Ecco cosa ne pensano gli italiani

Il navigatore satellitare "non va di moda"

Sei italiani su dieci conoscono il navigatore satellitare e tra questi il 18% ne possiede uno, mentre il 46% sta pensando di acquistarlo. E' quanto è emerso da un sondaggio d'opinione realizzato da Telesurvey per fotografare l'atteggiamento dei consumatori italiani nei confronti dei navigatori satellitari.

Il sondaggio si è svolto intervistando telefonicamente un campione rappresentativo della popolazione italiana di 400 persone. Tutti gli intervistati avevano dunque un'età compresa tra i 18 e i 64 anni e nel complesso rappresentavano demograficamente il Paese per sesso, età, condizione professionale, livello di istruzione, area geografica e ampiezza demografica del centro di residenza.

Dando un'occhiata ai risultati si può iniziare col dire che il 59% delle persone contattate sa che cos'è un navigatore satellitare, mentre il 39% non ha idea di che cosa si stia parlando. Da notare che la percentuale di chi non conosce questa tecnologia aumenta non in base all'età ma al diminuire del titolo di studio, di fatto chi è in possesso di una laurea e non sa che cos'è un navigatore ammonta al 6%, chi ha un diploma di media inferiore al 51% e chi ha frequentato soltanto le elementari al 52%. Percentuali simili anche nel caso di coloro che non hanno un lavoro e che non sono a conoscenza della navigazione satellitare (44%).

Tra coloro che conoscono i navigatori satellitari, invece, il 68% ritiene che sia molto (22%) o abbastanza (46%) utile. Anche per quanto riguarda la percezione del grado di sicurezza del GPS i risultati parlano chiaro: secondo il 75% del campione questo strumento è poco o per nulla pericoloso. Da non dimenticare il fatto che il 40% degli intervistati lo ritiene un oggetto utile e non un fenomeno di moda. Inoltre, se per il 23% delle persone che lo conoscono il navigatore è uno status symbol, per il 21% è un oggetto di élite, mentre per il 34% risiede a pieno titolo nel mondo del mass market.

Tra le funzioni strettamente connesse con la navigazione satellitare stessa, l'aggiornamento in tempo reale sul traffico è risultata la più utile. Il grado medio di interesse, su una scala da 1 (per nulla importante) a 10 (molto importante), risulta essere di 7,5 con un voto medio pari a 7. Di seguito nella graduatoria compaiono le funzioni definibili come "facilitatrici della guida", che consentono, ad esempio, di dialogare al cellulare mediante il vivavoce.

Un po' meno interessanti risultano infine le funzioni "worldwide", ovvero quelle che consentono di abbattere i confini geografici. In questo caso l'interesse medio è di 6,3 e ancor meno appetibili sono ritenute essere le funzioni audiovisive (5,5), come la possibilità di ascoltare audiolibri o vedersi un film. Curioso il fatto che mentre chi già possiede un navigatore ritiene poco interessanti le dotazioni audiovisive, chi è propenso ad acquistarne uno le giudica davvero molto accattivanti.

A conferma del potenziale di crescita di questo strumento, l'ultimo dato rilevato. Se infatti è vero che il 96% del campione ha associato l'utilizzo di questa tecnologia strettamente all'automobile, il 2% ne ha allargato l'ipotesi di utilizzo alle due ruote mentre addirittura il 7% degli intervistati lo vorrebbe portare con sé nelle escursioni, a piedi o in bicicletta.

Autore:

Tag: Accessori , navigatori satellitari


Top