dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 agosto 2016

Skoda, a Rio 2016 una "galleria del vento" per il ciclista Kelemen

Un avanzato sistema di simulazione 3D è stato utilizzato per migliorare le performance del campione olimpico

Skoda, a Rio 2016 una "galleria del vento" per il ciclista Kelemen
Galleria fotografica - Skoda Kodiaq, le prime immaginiGalleria fotografica - Skoda Kodiaq, le prime immagini
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 1
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 2
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 3
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 4
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 5
  • Skoda Kodiaq, le prime immagini - anteprima 6

Quando si tratta di competizioni a livello olimpionico, per gli atleti il più piccolo vantaggio può rivelarsi decisivo. Proprio per questo motivo i team nazionali si rivolgono al supporto della tecnologia, spesso quella proveniente dall'automobile. Skoda, ad esempio, ha deciso di supportare il ciclista ceco Pavel Kelemen mettendogli a disposizione un simulatore in grado di dare importanti indicazioni allo staff di allenatori. 150 telecamere ad alta definizione scansionano il corpo dell'atleta sulla sua bici con una precisione elevatissima e ne generano un modello 3D. Successivamente, proprio come in una galleria del vento, un software analizza i flussi aerodinamici e i vortici che si vengono a creare attorno al ciclista in pedalta. I dati, una volta elaborati, consentono di stabilire quale postura e quali accorgimenti presi durante gli allenamenti possano ridurre il più possibile la resistenza all'aria.

Il sistema di software deriva direttamente da quello utilizzato da Skoda per lo sviluppo dei suoi modelli di serie, ultimo tra tutti il Kodiaq, SUV che sarà presentato al Salone di Parigi il prossimo settembre. Quello di Skoda è solo l'ultimo esempio di una collaborazione che va diffondendosi sempre di più, e cioè quella tra team sportivi e Case automobilistiche. Proprio la settimana scorsa avevamo parlato di BMW e del suo ruolo nelle vittorie di Michael Phelps. Nel 2014 è stato il turno di Ferrari, che ha elaborato un bob da competizione consegnato agli Azzurri per le Olimpiadi invernali di Sochi. 

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , dall'estero


Top