dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 agosto 2016

Rio 2016, dietro l'oro di Michael Phelps c'è lo zampino di BMW

La Casa ha supportato l'atleta nei suoi allenamenti con le tecnologie sviluppate per la guida autonoma

Rio 2016, dietro l'oro di Michael Phelps c'è lo zampino di BMW
Galleria fotografica - BMW Vision Next 100Galleria fotografica - BMW Vision Next 100
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 1
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 2
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 3
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 4
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 5
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 6

Altri quattro ori: l'Olimpiade in corso lo ha incoronato come lo sportivo con più vittorie della storia, con un totale di 22 medaglie auree. Eppure Micheal Phelps, americano di 32 anni, soprannominato – non a caso – lo "Squalo di Baltimora", ha ancora due gare davanti a sé che potrebbero portare il suo medagliere personale a crescere ancora. Ne parliamo anche noi di OmniAuto.it perché, a parte l'indubbio talento di Phelps, dietro a queste vittorie c'è anche il contributo di BMW. La casa di Monaco ha infatti messo a punto un sistema che sfrutta la tecnologia d'illuminazione a LED dei propri veicoli a guida autonoma per monitorare i corpi degli atleti immersi in acqua. I sensori, gli stessi che riescono a individuare pedoni e ostacoli, sono stati appositamente modificati e posizionati su polsi, spalle, ginocchia, caviglie e piedi dei nuotatori tramite supporti realizzati con la stampa 3D. Una telecamera subacquea capta ogni minimo movimento o variazione fatti durante l'allenamento e questo consente al team di allenatori, in tempo reale, di capire cosa succede al corpo del nuotatore mentre si allena e quindi quali correzioni adottare per incrementarne le performance.

BMW collabora con il team di nuotatori Statunitensi già dalle Olimpiadi di Londra 2012, quando propose una versione iniziare del software di analisi. La versione utilizzata oggi, evoluta e aggiornata, ha esordito invece per le preparazioni atletiche dei Giochi Invernali di Sochi del 2014. La Casa bavarese ha avviato numerose iniziative in tutto il mondo con diversi team sportivi, che hanno sicuramente accolto di buon grado questa collaborazione. In molti sport, infatti, la differenza non la fanno i secondi, ma i centesimi di secondo: ogni aiuto che possa migliorare le prestazioni degli atleti è gradito. Ricordiamo invece che la prima BMW che guida da sola arriverà nel 2021, mentre un assaggio la Casa l'ha già dato a marzo scorso con la concept Vision Next 100.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , dall'estero , usa


Top