Curiosità

pubblicato il 12 agosto 2016

Liti al volante, ecco cosa fa arrabbiare di più gli italiani

Nell’ultimo anno 20,9 milioni di automobilisti sono stati coinvolti in una lite su strada

Liti al volante, ecco cosa fa arrabbiare di più gli italiani

Alzi la mano chi non ha mai discusso per strada. Ben pochi. Almeno una volta nella vita capita di avere a che fare con qualche automobilista che si arrabbia con noi o che viceversa ci fa spazientire. E pure i pedoni certe volte hanno da ridire con chi guida. Da Nord a Sud nell’ultimo anno - stando a una ricerca commissionata a mUp Research da Facile.it - le persone che si sono trovate ad avere discussioni per strada sono state 20,9 milioni. Moltissime, ma meno che nel 2009, quando la stessa ricerca ne aveva stimate più di 28 milioni. Le ragioni sono tante e le curiosità emerse riguardano anche il profilo di chi in Italia perde più spesso la pazienza.

Donne vs uomini

Gli italiani al volante si arrabbiano per tanti motivi, ma il più delle volte si infuriano per una mancata precedenza (indicata dal 32% del campione) o per delle manovre pericolose (27%). Anche i pedoni provocano reazioni sconsiderate (25%) e ad essere più litigiose sono le donne (28% contro il 23% degli uomini). In generale le signore si arrabbiano più spesso (il 63% del campione ha avuto una lite contro il 61% del campione maschile), ma sono più pazienti dei signori nei confronti delle attese; quando si tratta di ostruzione del passaggio di una carreggiata si arrabbiano il 16% delle donne contro il 20% degli uomini, mentre se ad essere bloccato è il passo carraio perdono le staffe l’8% delle donne e il 10% degli uomini.

Il “sangue caldo” del Sud

Se i dati si leggono per area geografica, si scopre come, via via che si scende lungo lo Stivale, le discussioni diventino più frequenti; hanno litigato il 56,5% dei residenti al Nord, il 64% dei residenti al Centro ed il 68% dei residenti nel Sud o nelle isole. Incrociando i dati sulle motivazioni di litigio con quelli per area geografica emerge al Sud e nelle Isole la doppia fila sia difficilmente tollerata dai cittadini e il 33% di loro, nell’ultimo anno, ha discusso per questo motivo, contro, ad esempio, il 10% nel Nord Est. La mancata precedenza accomuna tutti quando si tratta di litigare, ma al Centro si sopporta molto meno che altrove (causa di litigio indicata dal 33% degli intervistati).

La Top Ten dei motivi di discussione al volante

1. Mancata precedenza 32%
2. Manovre pericolose 27%
3. Pedone che attraversa senza guardare 25%
4. Parcheggio in doppia fila 24%
5. Eccessiva velocità 21%
6. Veicolo che ostruisce la carreggiata 18%
7. Sorpasso a destra 16%
8. Insulti ricevuti 12%
9. Uso a sproposito del clacson 11%
10. Occupazione di un parcheggio per cui si era in attesa 10%

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , sondaggi


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 52
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 41
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 47
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top