dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 12 agosto 2016

Tesla pick up, lo stile californiano sfida i big del settore

E’ già stato annunciato e avrà un motore elettrico. Noi lo immaginiamo così, ispirandoci alla Model X

Tesla pick up, lo stile californiano sfida i big del settore
Galleria fotografica - Tesla pick up, il renderingGalleria fotografica - Tesla pick up, il rendering
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 1
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 2
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 3
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 4
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 5
  • Tesla pick up, il rendering - anteprima 6

Il mondo dei pick up è in fermento anche in Europa (qui i dati). Mai come in questi ultimi anni i principali marchi si sono rincorsi nella gara alle novità e anche Case che prima non erano presenti nel segmento stanno facendo di tutto per entrarci (leggi lo Speciale Pick Up). Il mercato è invece ben consolidato negli Stati Uniti, dove restano in cima alle classifiche di vendita. E' un settore che gode di ottima salute e si sta espandendo sempre di più, ad esempio Mercedes ha dato inizio poco tempo fa ai test su strada della sua proposta, che avrà un’estetica più curata e interni meglio rifiniti dei pick up a marchio Ford, GMC o RAM. Nell’arena entrerà presto anche Tesla, come rivelato poche settimane fa dal suo fondatore, Elon Musk, che ha preannunciato l’arrivo di un modello a trazione elettrica.

Senza mascherina come la Model X

Il pick up verrà lanciato nei prossimi anni e riprenderà la tecnica dei modelli già a listino. Noi lo ricostruiamo così, sulla base di indicazioni raccolte nelle ultime settimane, ispirandoci a quello che sarà molto probabilmente l’indirizzo scelto dalla casa in termini di stile esterno: la sezione anteriore richiamerà infatti le linee viste sulle Model X e Model 3 (la cui estetica, lo ricordiamo, non è ancora definitiva). I fari anteriori saranno molto rastremati, il cofano avrà una superficie molto pulita e il fascione paraurti sarà sprovvisto della classica mascherina, elemento di stile e di funzione non più necessario sulle automobili elettriche: in questo caso non è necessario raffreddare il motore a scoppio, perché il motore a scoppio ovviamente non sarà presente. Le fiancata sarà contraddistinta dai grossi cerchi in lega e dalle portiere controvento, necessarie per accedere al divanetto posteriore, mentre il cassone avrà una superficie generosa ma non paragonabile a modelli più specifici.

Prima di vederlo servono più batterie

L’intenzione di Tesla consiste nel realizzare un pick up gradevole e dallo stile accattivante, sacrificando in parte la razionalità a vantaggio dell’estetica e della meccanica: il pick up sarà il primo (o fra i primi) ad offrire un motore a zero emissioni, caratteristica che potrebbe rivelarsi fondamentale per ammiccare alla clientela green o ad aziende pubbliche e private, interessate ad abbattere le emissioni inquinanti della loro flotta. Il pubblico di riferimento non manca, e con esso non mancherà l’inevitabile aumento delle vendite. L’azienda è costretta però ad intervenire sul fronte produzione, al momento non ancora sviluppata per digerire una novità di tal spessore: i volumi produttivi e la disponibilità di batterie devono inevitabilmente crescere prima che il pick up arrivi sul mercato. E qui una mano la potrebbe dare la GigaFactory.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Tesla Motors , rendering


Top