dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 agosto 2016

Le auto più strane (di ieri) create per fare pubblicità

Nei primi del ‘900 tanti modelli sono stati trasformati per far conoscere un prodotto. Eccone alcuni

Le auto più strane (di ieri) create per fare pubblicità
Galleria fotografica - Le auto più strane create per fare pubblicitàGalleria fotografica - Le auto più strane create per fare pubblicità
  • Chevrolet Promotional Van 1937 - anteprima 1
  • Dodge Pep-O-Mint 1918   - anteprima 2
  • Ford Model A Blatz beer Anni \'30 - anteprima 3
  • Ford Model AA Promo Truck  1938 - anteprima 4
  • Il Camion Coca-Cola   - anteprima 5
  • GM Futurliner Anni \'40  	   - anteprima 6

Diciamo la verità: le auto che oggi fanno pubblicità sono un po’ “tristi”. Ci sono tanti camion-vela parcheggiati anche a bordo strada per far vedere l’immagine sponsorizzata e di certo non siamo abituati a qualcosa di spettacolare come succedeva in passato. Forse l'unica eccezione moderna è il camion natalizio della Coca-Cola... Basta infatti guardare un po’ indietro nel tempo per scovare esemplari unici degni di memoria. All’inizio del ‘900, quando l’auto cominciava ad essere di massa, alcuni modelli più o meno popolari venivano elaborati per far conoscere prodotti o eventi alla gente che circolava su strada. Era un modo per raggiungere un gran numero di persone quando la televisione e internet non esistevano. Tra i primi esempi davvero bizzarri c’è una Dodge che nel 1918 venne trasformata in “Pep-O-Mint promocar”. In pratica per fare pubblicità alla nota marca di caramelle (antagoniste delle Polo) l’auto era stata elaborata con le sue stesse sembianze. Peccato che le immagini in bianco e nero non ci facciano vedere i colori originali dell’epoca, ma l’effetto è sbalorditivo comunque.

Risale a pochi anni più tardi (era il 1925) la Rolls-Royce Silver Ghost - quella che al cinema abbiamo visto in Quarto potere (1941) o Frankenstein Junior (1974) per intenderci - che aveva una carrozzeria elaborata per promuovere un evento fieristico. La trasformazione così profonda non era una novità e poco più tardi, nel 1928, al Covent Garden di Londra veniva esposta una Ford Model AA (in pratica un pick up) con la cabina a forma di mela. I prodotti da sponsorizzare erano di ogni tipo e molto spesso si trattava di alcolici. Gli esempi più interessanti a questo proposito sono la Ford Model A che appena finito il proibizionismo (1933) pubblicizzava la Blatz beer (una birra prodotta nel Wisconsin dal 1851 al 1959) e l’italiana Isotta Fraschini "Martini & Rossi" del 1936. E’ un tassello di storia dell’auto molto particolare e che potrebbe essere chiuso in bellezza ricordando il GM Futurliner, un gruppo di autocarri personalizzati, disegnati nel 1940, per la compagnia della "Parata del Progresso": una mostra itinerante Nordamericana che promuoveva auto e tecnologie del futuro. Una sorta di CES di Las Vegas dei nostri giorni.

Autore:

Tag: Curiosità , auto storiche


Top