Curiosità

pubblicato il 9 agosto 2016

Mercedes, l’incredibile storia della 500K Special Roadster rossa

Nel ‘45 è stata portata negli USA dagli Alleati, che però la “rubarono” ad un tedesco in prigione. Ed ora...

Mercedes, l’incredibile storia della 500K Special Roadster rossa
Galleria fotografica - Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935Galleria fotografica - Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 1
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 2
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 3
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 4
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 5
  • Mercedes-Benz 500K Special Roadster 1935 - anteprima 6

Sono passati 81 anni da quando è stata assemblata, ma sembra nuova. La Mercedes-Benz 500K Special Roadster nella foto è in perfette condizioni e a settembre sarà battuta all’asta in Francia per la bellezza di almeno 5 o 7 milioni di euro. E’ una cifra da capogiro, che però è consueta per questo tipo di auto. Tuttavia la storia di "questa" 500K Special Roadster (una delle 25 che furono costruite) è molto avvincente, quasi come un film. Sul finire della Seconda Guerra Mondiale le truppe alleate la trovarono nella proprietà di Hans Prym, un industriale tedesco che era stato imprigionato nel 1945, e venne inviata negli Stati Uniti dove rimase per 66 anni finché un collezionista di auto danese, Frans van Hare, la acquistò per circa 3 milioni di euro. Quando però l’entusiasta proprietario volle metterla in mostra alla fiera di Essen, in Germania, le autorità iniziarono ad indagare sulla sua origine.

Il nipote di Hans Prym, consapevole che l’auto era stata presa dalle forze alleate, aveva sporto denuncia e aveva iniziato una battaglia legale per riavere indietro la 500K Special Roadster di “famiglia”. Le autorità tedesche riconobbero che l’auto era di proprietà dei Prym e la considerarono semplicemente “espatriata” per tutto il periodo in cui era stata fuori dalla Germania. E’ ovvio che Frans van Hare si rivolse agli avvocati e cercò di difendere il proprio acquisto, ma nel 2012 la corte di Amburgo stabilì che le truppe alleate non avevano il diritto di appropriarsi dell’auto dei Prym e quindi l’acquisto di Frans van Hare era nullo; per lui era stato come acquistare un bene “rubato”. Come nelle più tristi favole però il proprietario “ritrovato” si è rivelato molto meno amorevole di quello ritenuto illegittimo. Mentre Frans van Hare amava la 500K Special Roadster e avrebbe voluto esibirla in giro per il mondo, i Prym non ci hanno pensato due volte a metterla in vendita. L’asta del 3 settembre a Chantilly frutterà loro almeno 5 o 7 milioni di euro (la base d’asta) e stavolta chi la comprerà avrà tutte le carte in regola per tenerla finché lo vorrà.

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , aste , auto storiche


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 20
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 14
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 22
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 19
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top