dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 5 agosto 2016

Traffico in autostrada, le dritte per evitarlo

Il weekend sarà da bollino nero. Già da ora, però, si può pensare ad un tragitto alternativo e meno stressante

Traffico in autostrada, le dritte per evitarlo

Sabato 6 agosto è prevista l’unica giornata da bollino nero sulla rete autostradale italiana. L’avviso si inserisce all’interno di un fine settimana molto complesso per la viabilità, in virtù dei massicci spostamenti in direzione delle località turistiche: Autostrade per l’Italia, il principale operatore privato nel nostro paese, stima però molti rallentamenti anche oggi e domenica. La Polizia di Stato e l’Anas hanno diffuso tutti gli avvisi e le raccomandazioni del caso. Ora tocca agli automobilisti comportarsi in maniera diligente, informandosi prima di imboccare l’autostrada (qui trovate i canali per restare informati) e cercando di evitare i tratti di strada in cui sarà più probabile trovare rallentamenti, in maniera da non aggravare ulteriore una situazione che potrebbe rivelarsi già molto integrata. I tratti più congestionati sono noti fin da ora e facilmente aggirabili: basta leggere con attenzione questo "schema flussi" e questo documento della Polizia di Stato sulla "Stagione 2016" e regolarsi di conseguenza. Ma riepiloghiamo qualche dritta.

I 3 passi da sapere

#1 I tratti con il bollino nero. Eccoli di seguito: Traforo del Monte Bianco. Situazioni critiche sono previste lungo le direttrici che portano verso i confini. Ad esempio in direzione Francia, prima del traforo del Monte Bianco, dove si attende forte traffico nel pomeriggio di tutti i sabati di agosto: il bollino nero, su questo tratto, è previsto il 6, il 13, il 20 e il 26 del mese. A10 Genova-Ventimiglia. Il flusso di auto sarà particolarmente accentuato in direzione riviera di Ponente, verso il confine con la Francia, dove però si attendono condizioni da bollino nero “solo” al mattino e pomeriggio di sabato 6 agosto. A1 Milano-Napoli. Il tratto dell’autostrada fra Reggio Emilia e Parma sarà uno di quelli più congestionati in tutta Italia: traffico critico è previsto solamente il 6 agosto, ma condizioni da bollino rosso potrebbero registrarsi in direzione nord durante tutti i fine settimana del contro-esodo, dal 20 agosto fino al 7 settembre. A14 Bologna-Taranto. Gli automobilisti che transiteranno lungo la cosiddetta autostrada Adriatica dovranno armarsi di pazienza: il bollino nero è previsto sabato 6 agosto in direzione sud fra i tratti Forlì-Cattolica, Cattolica-Atri Pineto e Atri Pineto-Poggio Imperiale. A30 Caserta-Salerno. Il raccordo fra Salerno e Avellino verrà messo a dura prova al mattino e al pomeriggio di sabato 6 agosto, quando sono previste condizioni da bollino nero, mentre in direzione nord è previsto traffico intenso (bollino rosso) nei weekend da fine agosto a inizio settembre.

#2 I percorsi alternativi. Prendete carta e penna... SS1 Aurelia: i percorsi alternativi suggeriti dalla Polizia costringono ad armarsi di pazienza, va detto, ma è sempre meglio allungare il viaggio piuttosto che rimanere imbottigliati nel traffico. Uscendo dalla A10 a Ventimiglia è possibile raggiungere Savona anche tramite l’Aurelia, passando da Bordighera, Imperia, Alassio e Finale Ligure. Lainate-Como: il bollino nero è previsto anche sulla A9, l’autostrada dei Laghi, che porta da Como a Milano. In condizioni di traffico intenso viene suggerito di abbandonare la A9 all’uscita Origgio/Uboldo e percorrere la SP233 in direzione Milano, passando da Caronno Pertusella, Garbagnate Milanese e Lainate, prima di imboccare l’entrata Lainate della A8. SS16 Adriatica: l’autostrada A14 sarà una delle più trafficate durante l’intero mese di agosto. La Polizia consiglia di aggirare il tratto fra Cattolica e Ancona passando dalla statale Adriatica, uscendo proprio a Cattolica e attraversando Pesaro, Marotta, Senigallia e Falconara. Si può rientrare in autostrada dell’ingresso Ancora Nord. SR6 Casilina: chi deve lasciare Roma in direzione sud può abbandonare il Grande Raccordo Anulare all’uscita 18 e percorrere la SR6 Casilina in direzione Anagni, passando da Valmontone, Colleferro e dalla SP 17, prima di imboccare la A1 a Anagni-Fiuggi Terme. In tal modo si evita un tratto molto traffico della A1 Milano-Napoli. SS16 Adriatica: la statale Adriatica torna utile pure a chi vuole recarsi in provincia di Foggia, risparmiandosi il traffico che potrebbe rallentarlo sulla A14 Bologna-Taranto. In questo caso viene suggerito di uscire a Termoli e percorrere la SS16 fino a San Severo, dove si potrà di nuovo imboccare l’autostrada.

#3 I principali cantieri. Quest'estate la situazione è la seguente: R.A. Sicignano-Potenza: l'Anas, la società che si occupa di manutenere la rete stradale e autostradale del nostro paese, segnala 14 cantieri attivi ad agosto sui raccordi autostradali. La maggior parte (12) si trovano lungo il raccordo Sicignano-Potenza, e comportano purtroppo una serie di rallentamenti: sono previsti ad esempio il restringimento della carreggiata o la chiusura della corsia di sorpasso. Gli altri due cantieri si trovano sul raccordo Siena-Firenze. A19 Palermo-Catania: i cantieri previsti sulla rete autostradale sono invece 12: 10 sulla A19 Palermo-Catania e 1 a testa sulla A90 Grande Raccordo Anulare e A3 Salerno-Reggio Calabria. Sulla A19 sono previste chiusure della corsia di marcia o della corsia di emergenza. Le statali: il maggior numero di cantieri si trova però lungo strade statali: in questo caso l’Anas ne segnala ben 206. La Regione più colpita è la Sicilia (38), davanti alla Basilicata (32) e alla Lombardia (19). Il consiglio è di guardare sulla pagina internet della Polizia di Stato se un cantiere è previsto lungo la strada che si intende percorrere.

Indicazioni solo da mettere in pratica

Le autorità hanno fatto il loro dovere e segnalato tutti i punti critici, fornendo anche un lungo elenco di alternative. Ora sta agli automobilisti mettere in pratica i suggerimenti e cercare di snellire il traffico, evitando il ripresentarsi di situazioni come quella del 22 agosto 2015: sulla A23, da Udine Nord fino a oltre il nodo di Palmanova, furono misurati 23 chilometri di coda. La Polizia di Stato, attraverso un utile documento informativo su "come pianificare un viaggio", consiglia allo stesso tempo di mettere in pratica accorgimenti per rendere meno stressanti le lunghe trasferte: liberare la corsia dopo aver terminato un sorpasso, tenere nell’abitacolo liquidi per tutti i passeggeri e fare soste di almeno 15 minuti ogni 2 ore al volante.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top