dalla Home

Attualità

pubblicato il 2 agosto 2016

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate Volkswagen, è multa in Corea del Sud

Chiesti 14,3 milioni di euro e revocata l'omologazione di 80 modelli

Dieselgate Volkswagen, è multa in Corea del Sud

La Corea del Sud ha scelto il pugno duro. Il ministero dell’Ambiente che, a seguito del Dieselgate, ha riesaminato l’omologazione di alcuni modelli del Gruppo Volkswagen e ha revocato la certificazione di circa 80 modelli e varianti tra Volkswagen, Audi e Bentley (auto di cui la casa tedesca aveva sospeso la vendita in Corea del Sud in via precauzionale per non generare confusione tra i clienti). Come riporta la Reuters, la decisione è stata presa perché l’azienda tedesca aveva ritoccato i dati relativi alle emissioni inquinati, per questo è stato anche multato per un importo pari a 17,8 miliardi di won ovvero circa 14,3 milioni di euro al cambio attuale.

Per Volkswagen la decisione è troppo “severa” e starebbe considerando l’ipotesi di un’azione legale. Le vetture decertificate sono circa 209mila e il 68% sarebbe stato venduto dal 2007 ad oggi. Sebbene per Wolfsburg si tratti di un mercato dai piccoli numeri, per i brand premium e di lusso (Audi e Bentley) è strategico, in quanto è uno dei mercati con il miglior tasso di crescita al mondo. E adesso le auto decertificate dovranno essere sottoposte a una nuova procedura di omologazione, che potrebbe richiedere dai tre mesi (tempo standard) a un periodo da definirsi.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , dall'estero


Top