dalla Home

Curiosità

pubblicato il 2 agosto 2016

Nuova Nissan Serena, guida da sola con ProPilot

Per ora nel solo mercato giapponese, il sistema affianca il conducente nelle code in corsie singole

Nuova Nissan Serena, guida da sola con ProPilot
Galleria fotografica - Nuova Nissan Serena con ProPilotGalleria fotografica - Nuova Nissan Serena con ProPilot
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 1
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 2
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 3
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 4
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 5
  • Nuova Nissan Serena con ProPilot - anteprima 6

Una volta la Nissan Serena, comoda monovolume giapponese, c'era anche da noi; da una quindicina d'anni non c'è più, mentre la quinta generazione arriverà da fine agosto solo in Giappone. Con una novità importante: il sistema di guida autonoma  ProPilot. Finalmente un'auto "popolare" a guida totalmente autonoma? Non proprio: si tratta innanzi tutto di un'opzione e poi il sistema consente la guida senza pilota in alcune situazioni specifiche, in particolare la guida in autostrada o su strade extraurbane su una sola corsia. Un po' come l'Autopilot di Tesla e altre applicazioni simili allo studio in altre case, qui con l'ausilio di una telecamera monoculare di fabbricazione ZF, affiancata da un sistema avanzato di lettura di immagine 3D, e sistemi di azionamento automatico di sterzo, acceleratore e freni.

Nissan ProPilot consente di viaggiare automaticamente nella guida in colonna, riuscendo a muovere e fermare l'auto in autonomia e in funzione del resto della coda. Viene fissata manualmente una velocità standard (da 30 a 100 km/h), e l'auto può anche sterzare da sola nelle curve, rimanendo nella corsia. Attenzione, però: se si staccano le mani dal volante per troppo tempo, il sistema si disinserisce, oppure, se il ProPilot effettua un arresto totale, il ripristino può avvenire solo accelerando, o azionando un comando. Questo anche in relazione con il recente incidente mortale con l'AutoPilot Tesla: il ProPilot, che può essere facilmente disabilitato e ha un monitor che ne illustra il funzionamento istantaneo, non intende mai sostituirsi al pilota, ma è solo un assistente di guida. E' comunque la prima volta che un costruttore generalista propone un moderno sistema di guida autonoma, che a breve sarà ancora più evoluto: nel 2018 potrà cambiare corsia, e nel 2020 affrontare liberamente le svolte e gli incroci. E soprattutto dovrebbe arrivare anche sui "nostri" modelli, a cominciare dalla Qashqai del 2017, e nei mercati americano e cinese.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Nissan , auto giapponesi , guida autonoma


Top