dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 29 luglio 2016

Alfa Romeo Stelvio, un Quadrifoglio anche per il SUV

Il nostro rendering è ispirato alla Giulia, tranne che per l’andamento del posteriore: sarà più raccolto

Alfa Romeo Stelvio, un Quadrifoglio anche per il SUV
Galleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il renderingGalleria fotografica - Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 1
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 2
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 3
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 4
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 5
  • Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, il rendering - anteprima 6

L’arrivo sul mercato della Giulia sancisce l’inizio della strategia elaborata da Alfa Romeo per riportarsi in scia alla concorrenza tedesca. Il suo apporto in termini di vendite sarà minore in ogni caso rispetto ad un SUV di pari lunghezza, come certificato dalle attuali tendenze sul mercato automobilistico: da anni le berline non riescono a pareggiare il successo di modelli con assetto rialzato. E’ per questo motivo che l’azienda milanese lancerà da inizio 2017 un SUV di lunghezza vicina a 4,7 m, d’impronta sportiveggiante, anticipato dal rendering che vi mostriamo in esclusiva: l’auto nell’immagine è in allestimento Quadrifoglio, il più ricco ed esclusivo, ma a listino ci saranno anche la “base” e la Super. L’auto dovrebbe chiamarsi Stelvio (qui le foto spia) e verrà presentata entro fine 2016, al salone dell’auto di Los Angeles (18-27 novembre), in maniera da creare un forte simbolismo: gli Stati Uniti saranno anche il mercato dove Alfa Romeo si attende i maggiori numeri di vendita. Non a caso Alfa potrebbe mostrare nella Città degli Angeli proprio la Quadrifoglio, in maniera da solleticare fin da subito la fantasia degli appassionati yankee.

Tanta responsabilità sul mercato

La Stelvio è un modello fondamentale per Alfa Romeo, ancor più della Giulia, in quanto dovrà garantire ampi margini di guadagno e sostenere gli ambiziosi piani di vendita elaborati dalla dirigenza: buona parte delle 400.000 unità/anno che l’azienda venderà dal 2020 saranno proprio Stelvio, grazie al prezzo relativamente contenuto (partirà da circa 40.000 euro) ed alla popolarità di cui questo genere di automobile gode soprattutto negli Stati Uniti. Le linee esterne saranno molto accattivanti, d’impatto, grazie ai fanali anteriori molto affusolati, alla grossa mascherina anteriore ed alle nervature sul cofano motore, che definiranno immediatamente il carattere dell’auto. La grinta e il carattere della Stelvio verranno accentuati dalla Quadrifoglio, che avrà prese d’aria maggiorate, profili aerodinamici specifici e cerchi in lega di ampio diametro, oltre all’assetto ribassato ed alle pinze freno più vistose. La fiancata sarà anch’essa solcata da una taglio, mentre il posteriore avrà un leggerissimo accenno di coda: l’andamento del posteriore, per dare l’idea, ricorderà quello del Levante, ma resterà in ogni caso molto raccolto e “sodo”. Sulla Quadrifoglio verrà incattivito da un estrattore e da terminali di scarico particolarmente generosi.

Un Quadrifoglio sulla fiancata

A livello tecnico sono previsti gli organi meccanici della Giulia, progettati fin dall’inizio per essere destinati a più modelli. La piattaforma costruttiva sarà quindi a trazione posteriore o integrale, i cambi saranno il manuale a 6 rapporti o l’automatico ad 8 marce e sotto il cofano verranno posizionati i noti 2.0 benzina (200 CV) e 2.2 diesel, ordinabili anche in varianti di potenza non ancora previste: il due litri svilupperà anche 280 CV e il diesel verrà lanciato anche in configurazione biturbo, da 210 CV, in alternativa a quelle da 150 CV e 180 CV. La versione Quadrifoglio conterà invece sul potentissimo V6 a benzina, da 2.9 litri (510 CV), che garantirà prestazioni di livello superiore e un piacere di guida al vertice della categoria, in virtù di soluzioni molto raffinate per sospensioni, albero motore e distribuzione dei pesi. La Stelvio Quadrifoglio sarà un’avversaria della Porsche Macan Turbo e delle future BMW X3 e Mercedes-AMG GLC 63. Il suo prezzo, in ogni caso, sarà ben superiore rispetto ai circa 40.000 euro della Stelvio base: possiamo stimare un listino da circa 85.000 euro.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Alfa Romeo , rendering


Top