dalla Home

Attualità

pubblicato il 25 luglio 2016

Pokemon Go, si pensa al sequestro degli smartphone dopo un incidente

Lo ha proposto la polizia locale di Torino alla luce dei sinistri stratali che si stanno verificando

Pokemon Go, si pensa al sequestro degli smartphone dopo un incidente
Galleria fotografica - Pokemon Go, una mania che arriva sulle stradeGalleria fotografica - Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 1
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 2
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 3
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 4
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 5
  • Pokemon Go, una mania che arriva sulle strade - anteprima 6

Il videogioco Pokémon Go rappresenta una nuova minaccia nei conforti della sicurezza stradale, già messa a repentaglio dall’utilizzo in molti casi scriteriato dello smartphone: nel 2015 le forze di Polizia hanno rilevato 48.524 infrazioni legate al mancato utilizzo di apparecchi vivavoce o auricolari, il 20,9% in più rispetto all’anno precedente (non a caso l'ACI ha appena lanciato una campagna di sensibilizzazione sull'uso dello smartphone in auto). Gli organi di Polizia minacciano la tolleranza zero e studiano rimedi ancor più severi da introdurre per i trasgressori. L’ultima proposta viene lanciata da Alberto Gregnanini, comandante della polizia municipale di Torino, che pensa di sequestrare e analizzare gli smartphone dopo un incidente grave: in tal modo sarà possibile scoprire se l’automobilista fosse concentrato sullo schermo (e non sulla strada) nei secondi precedenti l’impatto.

Intervistato da La Repubblica, il comandante ha spiegato che gli agenti stanno "verificando come fare. E’ uno degli obiettivi che ci siamo posti nel caso di sinistri con feriti o con decessi”. La proposta si inserisce nel solco di un'idea analoga, presentata nello stato di New York, che autorizza gli organi di Polizia ad esaminare uno smartphone per capire a posteriori come è stato utilizzato: il software Textalizer non consente di visualizzare i contenuti, ma permette di scoprire se l’automobilista ha effettuato una chiamata, mandato un sms, utilizzato determinate app o navigato su internet. Nella proposta di legge vengono inoltre determinate le sanzioni per chi si rifiuta di sottoporsi all’esame. L’idea ha suscitato molte polemiche, ma sembra poter funzionare da deterrente. Voi sareste favorevoli alla sua introduzione?

Autore: Redazione

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top