dalla Home

Curiosità

pubblicato il 22 luglio 2016

Graham, l’unico uomo che sopravvive agli incidenti stradali

E’ nato da un progetto congiunto tra un’artista e un chirurgo e sarà esposto nei musei

Graham, l’unico uomo che sopravvive agli incidenti stradali
Galleria fotografica - GrahamGalleria fotografica - Graham
  • Graham - anteprima 1
  • Graham - anteprima 2
  • Graham - anteprima 3
  • Graham - anteprima 4

A vederlo è terrificante, o quasi. Non è bello e sembra una creatura aliena. Ma Graham è un essere umano e se avessimo le sue sembianze saremmo in grado di sopravvivere agli incidenti stradali anche noi. Questo perché è stato studiato apposta per resistere agli urti, pure ad alte velocità. Lo ha progettato la Transport Accident Commission australiana coinvolgendo un chirurgo specializzato in traumi ed un’artista di Melbourne, Patricia Piccinini. L’obiettivo è chiaramente quello di farci riflettere sulle conseguenze terribili degli incidenti. In Italia l’anno scorso ce ne sono stati 173.892 e, stando ai dati Istat, sono morte 3mila persone.

Per sopravvivere all’impatto Graham ha costole simili ad airbag, una testa molto grande e larga, così da proteggere al massimo il cervello, e non ha un naso vero e proprio, ma solo due narici, così come non ha orecchie con un padiglione esterno, ma una struttura elementare. Anche gli occhi, per ridurre al minimo i possibili danni, sono piccoli e ben nascosti sotto ad una fronte alta e pronunciata in avanti, che serve appunto per proteggerli. E poi le gambe. Graham ha un’articolazione in più rispetto a noi. Ricorda un po’ le zampe degli equini o degli ovini, ma solo così può proteggersi. Chi vuole può vederlo alla State Library of Victoria, a Melbourne, in Australia, fino a metà agosto oppure online - e a 360 gradi - sul sito Meetgraham.com.au.

Graham, l’uomo che sopravvive agli incidenti stradali

E’ nato da un progetto congiunto tra un’artista e un chirurgo e sarà esposto nei musei.

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top