dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 21 luglio 2016

Dossier Come si Fa

Sedili in tessuto, come togliere le macchie dall'abitacolo

Basta seguire tre mosse per evitare di peggiorare la situazione e risolvere il problema

Sedili in tessuto, come togliere le macchie dall'abitacolo

Lo si può detestare perché rovina l’estetica; oppure perché è profondamente anti-igienico; o per entrambi i motivi: comunque sia, lo sporco sui sedili in tessuto dell’auto (di questo si sta parlando) è un nemico battibile. A prescindere dal tipo di macchia, che può essere il cibo (il cioccolato in particolare è terribile), bibite, cenere, un “ricordino” di qualche nostro simpatico amico a quattro zampe (cani, gatti o altri) oppure gelato (colpa del bimbo), rossetto o strisciate di diversa natura (magari una valigia o un sacchetto che ha lasciato il segno). Basta armarsi di pazienza per sconfiggere l’avversario, con calma.

Pulizia in tre passi

1# Aspirare. Per prima cosa, andate in un autolavaggio, inserire il gettone nell’aspirapolvere e fate risucchiare al dispositivo la polvere e lo sporco. Dovete andare a fondo, perché spesso si forma una sorta di deposito di sporcizia di base, che fa da calamita per altra polvere; in parallelo all’aspirapolvere, è quindi utile utilizzare una normale spazzola. Come dire che i “mini-ospiti” sgraditi vengono sollevati e risucchiati. Prezioso un metodo semplice per capire se il lavoro preliminare possa dirsi terminato: picchiate forte con un battipanni o le mani sul sedile. Si alza pulviscolo? Insistete a pulire. Se invece non c’è traccia di sporco, siete pronti alla fase due.

2# Detergente. Nei supermarket, vendono detergenti specifici per sedili in tessuto. Per capire come utilizzarli, basta leggere le istruzioni, che magari possono essere diverse a seconda del prodotto. Comunque, di solito si tratta di una speciale schiuma attiva che non bagna il tessuto.

3# Panno. Chiaramente la terza fase consiste nel passare un panno in microfibra, specie lì dove c’è sporco accidentale ostinato. Talvolta, i detergenti sono essi stessi dotati di una spazzola speciale, da passare sui sedili in tessuto.

Attenti ai vetri

Rammentate anche di pulire per bene tutte le vetrature interne: il passaggio dello sporco dai finestrini ai sedili è rapidissimo, soprattutto d’estate quando il climatizzatore muove parecchio l’aria. Il rischio è che la polvere passi dal parabrezza ai sedili in tessuto, che s’impregnano rapidamente. Un’ultima dritta: lo smog delle metropoli è tremendo, pieno di pulviscolo. Quindi, più tempo passate nel traffico, più breve l’intervallo fra una pulizia e l’altra dell’abitacolo. Per capire se e quando è il caso di agire con l’aspirapolvere, può essere utile la solita “manata” sul sedile, così da verificare quanto sporco si alza.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , manutenzione


Top