dalla Home

Test

pubblicato il 12 luglio 2016

Mercedes GLC Coupé, sintesi di opposti [VIDEO]

Ha un'anima più sportiva della sorella "normale" ma non rinuncia alla praticità. Ecco come va la 350d da 258 CV

Galleria fotografica - Mercedes GLC CoupéGalleria fotografica - Mercedes GLC Coupé
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 1
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 2
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 3
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 4
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 5
  • Mercedes GLC Coupé - anteprima 6

Versatile come un SUV e sportiva come un coupé: possono due caratteristiche così diverse convivere nella stessa auto? In Mercedes dicono di sì. Per questo il capo del design Daimler, Gorden Wagener, ha usato la parola "Bipolarità" per definire la nuova GLC Coupé, un'auto che ha l'ambizione di essere due cose insieme: un pratico SUV da famiglia e, allo stesso tempo, un coupé capace di emozionare, grazie alle sue forme e alla dinamica di guida sportiva.

Com'è

Partiamo dai numeri: la Mercedes GLC Coupé è 4 centimetri più bassa della "normale", ma soprattutto quasi 8 centimetri più lunga, per un totale di 4,73 metri. Lo spazio guadagnato ha permesso ai designer di realizzare delle proporzioni esterne piacevoli e ai tecnici di ottenere un abitacolo che non risente troppo del tetto discendente: dietro, infatti, i posti sono tre e anche chi arriva al metro e ottanta di altezza ha abbastanza spazio per la testa. Con 491 litri, poi, il bagagliaio ha un volume adeguato alle necessità di una famiglia: l'unico limite è l'altezza ridotta del vano, dovuta alla linea della coda. Fuori la Mercedes GLC Coupé riesce a distinguersi dalla variante "normale", con cui condivide l'architettura di base, grazie a un aspetto generale che sembra più sportivo e piantato a terra. Le differenze stanno anche nei dettagli: nella mascherina del radiatore - a singola lamella orizzontale, invece che doppia - e soprattutto nel parabrezza più inclinato e nel tetto che scende fino alla coda. Quest’ultima riprende il design che ha esordito sulla versione Coupé della Classe S e si è poi progressivamente diffuso su tutte le sportive della Stella, caratterizzato dal piccolo spoiler nella parte alta, dai fari a sviluppo orizzontale e dalla targa spostata nel paraurti posteriore. Dentro, invece, l'impostazione generale dell'abitacolo resta quella della GLC, con materiali e finiture di qualità che trasmettono l'immagine premium attesa in un'auto di questo livello.

Come va

L'obiettivo era di aggiungere un tocco di sportività alle abilità dinamiche di un SUV e sulla GLC Coupé i progettisti Mercedes sono riusciti nel loro intento. Il baricentro alto resta, quindi non aspettatevi cambi di direzione fulminei o un assetto piatto, ma le sospensioni sportive e lo sterzo più diretto - con rapporto di demoltiplicazione ridotto da 16,1:1 a 15,1:1 - aiutano a rendere l'esperienza al volante della Mercedes GLC Coupé più coinvolgente. Per migliorare dinamica di guida e comfort, poi, in Mercedes hanno lavorato anche sulla leggerezza: l'autotelaio utilizza alluminio e acciai ad alta e altissima resistenza, così il peso della GLC Coupé parte da 1.710 kg, un valore al vertice del segmento che si traduce in un corpo vettura molto composto, che cede al sottosterzo solo quando si esagera con la velocità d'ingresso in curva. La versione che ho provato tra le montagne della Valle d'Aosta è la diesel più potente, la 350d: monta un 3 litri V6 da 258 CV e ben 620 Nm di coppia massima. I numeri del motore permettono prestazioni esuberanti - bastano 6,2 secondi nello 0-100 km/h - ben accompagnate dal cambio automatico a 9 rapporti 9G-TRONIC, che mi ha colpito per la capacità di passare da un funzionamento impercettibile a cambiate rapide e quasi rabbiose, a seconda della modalità di guida selezionata.

Curiosità

Assetto sportivo con Dynamic Select, DYNAMIC BODY CONTROL o AIR BODY CONTROL: sono tre i tipi di assetto disponibili sulla Mercedes GLC Coupé. Di serie c'è un assetto sportivo con molleggio più rigido e tendenza al rollio ridotta, mentre con il Dynamic Body Control si passa a sospensioni meccaniche con regolazione continua dello smorzamento. Al vertice dell'offerta, poi, c'è l'AIR BODY CONTROL, dotato di sospensioni pneumatiche integrali a più camere, con regolazione dello smorzamento continua a comando elettronico.

Quanto costa

Al lancio, previsto a ottobre, la gamma GLC Coupé sarà composta da due diesel - il 220d da 170 CV e il 250d da 204 CV - e un benzina, il 250 da 211 CV. I prezzi partono da 53.630 euro e gli allestimenti sono cinque: Executive, Business, Sport, Exclusive e Premium. L'offerta si completerà alla fine dell’anno, arrivando a quattro diesel e quattro benzina, tra cui la ibrida plug-in 350 e - che promette un’autonomia in modalità elettrica di oltre 30 km - e la versione 43 AMG dotata di un V6 biturbo da 367 CV.

Scheda

Motorizzazione provata: Mercedes-Benz GLC 350d 4MATIC Coupé
Quando arriva: Ottobre 2016 (GLC Coupé 220d, 250d, 250); Fine 2016 (Resto gamma)
Quanto costa: da 53.630 euro (GLC 220d 4MATIC Coupé)
Quanti CV ha: 258 CV
Quanto consuma (ciclo combinato): 6,0 l/100 km
Quanta CO2 emette: 155 g/km
0-100 km/h: 6,2 secondi
Garanzia: 2 anni/km illimitati

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee


Top