dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 luglio 2016

Bentley Bentayga, impianto elettrico "da record"

Il SUV inglese richiede soluzioni fuori dall’ordinario per gestire le numerose tecnologie di bordo

Bentley Bentayga, impianto elettrico "da record"
Galleria fotografica - Bentley BentaygaGalleria fotografica - Bentley Bentayga
  • Bentley Bentayga - anteprima 1
  • Bentley Bentayga - anteprima 2
  • Bentley Bentayga - anteprima 3
  • Bentley Bentayga - anteprima 4
  • Bentley Bentayga - anteprima 5
  • Bentley Bentayga - anteprima 6

La Bentley Bentayga è un’auto fra le più esclusive e raffinate oggi in vendita: costa più di 200.000 euro, oltrepassa i 300 km/h e promette lo stesso comfort di un’ammiraglia, pur avendo le fattezze e la meccanica di un suv. Gli uomini della casa inglese hanno dovuto ricorrere a soluzioni tecniche fuori dall’ordinario per sviluppare un modello così impegnativo, dotato – fra le altre cose – delle più sofisticate tecnologie di ausilio alla guida e di un sistema che migliora la visibilità in condizioni di guida notturna. La Bentayga prevede ad esempio cablaggi di taglia smisurata, pesanti circa 50 chili, nei quali sono inseriti 90 fra calcolatori e moduli di controllo: il sito Car and Driver rivela che i tecnici hanno dovuto scrivere oltre 100 milioni di linee di codice, la maggior parte delle quali in linguaggio proprietario.

La rete è specifica per ciascuna vettura

I tecnici della casa inglese hanno ricevuto i cavi sotto forma di un pallet grande quanto l’auto. I cavi, per di più, avevano una consistenza molto rigida e non si potevano flettere. Questi dettagli vengono forniti dal responsabile della linea produttiva, Peter Guest, ovvero dall’uomo che supervisiona e controlla un procedimento così laborioso. Guest ha rivelato che i cablaggi sono personalizzati da vettura a vettura, in relazione agli optional scelti, e che l’impianto consta di sette reti diverse. “Tutte lavorano a velocità diverse e rispondono a differenti usi primari, ma sono integrate e si scambiano informazioni – prosegue Guest –: non abbiamo un sensore per una singola funzione, ma ciascun sensore risponde a compiti diversi”. Fra i sensori ci sono ad esempio i 12 di parcheggio, quelli che gestiscono i 4 sistemi radar e quelli a supporto delle 6 telecamere esterne.

Con la rete duplex l’impianto è più semplice

Una rete di questo tipo assume il nome multiplex e soddisfa l’incremento di contenuti disponibili sulle auto di più recente introduzione, chiamate a svolgere funzioni anche molto complesse: l’impianto non serve esclusivamente per abbassare i finestrini o accendere le luci, ma anche per gestire la risposta del motore, il controllo di stabilità, il cambio automatico, le sospensioni attive e l’impianto multimediale. La diffusione delle reti multiplex ha portato alla riduzione del numero di centraline installate e dei cavi per il cablaggio. L’impianto elettrico della Bentayga, in altre parole, risulta più semplice di quanto sarebbe potuto essere. Questo nonostante i suoi cablaggi pesino 10 volte in più rispetto ai cavi di un’auto comune.

Scheda Versione

Bentley Bentayga
Nome
Bentayga
Anno
2016
Tipo
Premium
Segmento
lusso
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Bentley , record


Top