dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 luglio 2016

Maxi ingorgo in Indonesia, 12 morti

A Giava una coda di 20 km dura quasi tre giorni e risulta fatale per anziani e malati

Maxi ingorgo in Indonesia, 12 morti
Galleria fotografica - Maxi ingorgo a Brebes, IndonesiaGalleria fotografica - Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 1
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 2
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 3
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 4
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 5
  • Maxi ingorgo a Brebes, Indonesia - anteprima 6

Un ingorgo stradale lungo circa 20 km e durato quasi tre giorni ha causato in Indonesia la morte di dodici persone. Il bilancio ufficiale è stato confermato da un rappresentante del ministero dei trasporti indonesiano che ha parlato di dodici vittime fra il 3 e il 5 luglio nei pressi del casello autostradale di Brebes, nella parte centrale dell'isola di Giava. Le persone decedute erano per la maggior parte anziani e soggetti già affetti da altre patologie che non hanno sopportato lo stress, il caldo e i gas di scarico dell'interminabile coda di automobili ferme o in lento movimento.

Un collo di bottiglia infernale

Il critico intasamento del traffico è stato causato dall'enorme massa di persone che, come ogni anno, vuole raggiungere la famiglia per la fine del Ramadan e l'inizio dell'Eid mussulmano. Questa volta a rendere ancora più acuto il problema ci si è messo un tratto di strada non adatto ad assorbire le decine di migliaia di vetture e motociclette che si sono messe in movimento. Fra le varie concause c'è poi un collo di bottiglia per il traffico rappresentato dal casello di pagamento di Brebes, il restringimento delle carreggiate, la presenza di un'affollata area di servizio e il gran numero di venditori ambulanti assiepati a bordo strada.

"Un problema senza soluzione"

Le strazianti scene di persone sedute o sdraiate nei pressi dell'autostrada piena di auto hanno monopolizzato i telegiornali locali, così come i social da cui abbiamo tratto le immagini della fotogallery che vedete qui sopra. Molti hanno cercato un po' di respiro e di refrigerio proprio nei pochi riquadri di verde attorno all'asfalto, ma pare che fra le vittime ci sia anche un bambino di un anno di età intossicato dai gas di scarico. Il ministero ha fatto poi sapere che negli stessi giorni festivi le vittime stradali in tutta l'Indonesia sono state 400, aggiungendo: "Non c'è posto su quella strada di Brebes, non abbiamo una soluzione". Ricordiamo che l'Indonesia è il quarto Paese più popoloso del mondo con oltre 255 milioni di abitanti.

Autore:

Tag: Curiosità , dall'estero


Top