dalla Home

Test

pubblicato il 6 luglio 2012

Dossier MATT TEST

Hyundai i30, come va il 1.6 CRDi [VIDEO]

Matt: "A voi la nuova arma di attacco alle europee e al Segmento C!"

I sudcoreani si danno un gran da fare per mettere i bastoni fra le ruote ai concorrenti occidentali. E non solo nel campo dell’elettronica. Nel mondo dell’auto, infatti, l’obiettivo è dare del filo da torcere in particolare ai costruttori tedeschi, soprattutto per quel che riguarda le auto di segmento C, fondamentali in Europa e Italia.

Non pretendo di dire così, su due piedi, che la nuova e valida Hyundai i30 venderà più della Golf nell’anno 2012… neanche nei prossimi dieci, forse. Ma devo ammettere che la determinazione coreana mi affascina: costringerà Volkswagen, Ford, Peugeot, Opel e Fiat a rivedere le proprie strategie? Una cosa è certa: da una maggiore competizione i consumatori traggono sempre benefici.

Tutto quello che c’è a bordo della i30 rende la compatta coreana finalmente all’altezza di combattere ad armi pari coi competitor. Il prezzo chiavi in mano parte da 16.400€, quindi nella media. Ma le dotazioni incluse nel prezzo, e la completezza nella lista degli optional, mi fa veramente impressione. Hanno fatto bene i compiti a casa, in Corea, per piacere agli italiani. Come mai accaduto prima per una coreana.

Sotto certi aspetti, però, la distanza fra Corea ed Europa esiste ancora. Prendiamo ad esempio l’auto in prova qui per questo Matt Test: con il motore 1,6 CRDi da 128 CV e il cambio automatico a sei marce, l’allestimento top di gamma Style arriva vicino ai 28.000 euro. Anche se parliamo di una versione full-optional, francamente è una cifra che fa una certa impressione. D’accordo, la macchina mi piace molto quando la guardo, ed è un piacere accomodarsi nell’abitacolo e guidare. Ma se Hyundai vuole che la i30 percorra la lunga strada del successo, deve mantenersi fedele un pò di più alla vecchia formula coreana: tanti contenuti ad un prezzo accessibile.

In ogni caso, la i30 proprio in questo allestimento potrebbe essere veramente un’alternativa ideale alla Golf o alla Focus. A chi sogna una compatta cool e finalmente posso solo dire, speriamo bene.

La Pagella di MATT

Voto Globale: 8/10
Come adoro ripetere, la i30 ha tutte le carte in regola per vendere tanto in Italia. Di realmente eccezionale non è stato inventato nulla di nuovo, ma se questo è solo l’inizio i concorrenti dovranno fare attenzione alla i30.

Quanto é sexy: 8/10
Sia fuori che dentro mi piace molto, ma anche l'abitabilità e la praticità degli accessori sono un passo in avanti col passato.

Quanto é cattiva: 7/10
Non è sulla cattiveria che vuole giocare la i30, ma il design è forse la sua arma più aggressiva.

La consiglieresti? 9/10
Se si cerca una macchina pratica, di qualità e versatile e dalla linea ricercata e sinuosa, sì, la i30 è una macchina che comprerei, assolutamente.

Quanto é utile: 10/10
La gamma di motorizzazioni disponibili e lo spazio per passeggeri e del bagagliaio raccomandano la i30. Ripeto: non è eccezionale in in un solo senso, ma è quasi eccezionale sotto molteplici aspetti.

Vale quel che costa?: 8/10
(22.500)
Dunque: se dovessi valutare i 28.000 euro dell'esemplare in prova le darei 7, ma visto che il resto della gamma è più "ragionevole", 8 è il voto ideale.

Autore: Matt Davis

Tag: Test , Hyundai , auto coreane


Top