dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 6 luglio 2016

Rca, cosa controllare sul contratto per guidare sereni

Vi ricordiamo quali sono i risarcimenti per passeggeri e danni

Rca, cosa controllare sul contratto per guidare sereni

L’Ivass (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) ha appena indicato alle compagnie cosa scrivere nei contratti Rca obbligatori, per renderli facili da leggere e da capire. L’obiettivo è anche consentire ai consumatori un confronto omogeneo (ossia fra polizze uguali) dei prezzi, che altrimenti si rivela complicato, se non impossibile. Proprio il documento dell’Authority dedica un capitolo importantissimo ai passeggeri, che in gergo tecnico-assicurativo vengono definiti trasportati. Vediamo in basso di che si tratta.

Tutele per tutti

1# Massimali. Con la Rca, la compagnia s’impegna a corrispondere, entro i limiti stabiliti (massimali), i danni causati a terzi dalla circolazione del veicolo. I massimali minimi previsti per legge sono di 5 milioni di euro per i danni alle persone e un milione di euro per i danni alle cose, indipendentemente dal numero delle persone coinvolte. È facoltà del contraente concordare con la compagnia massimali più elevati pagando un premio più alto. Sono coperti anche i danni al passeggero.

2# Soccorso. Può capitare di soccorrere vittime della strada, che magari sono ferite. La Rca, in genere, copre i danni al veicolo provocati dal trasporto di vittime di incidenti stradali: perdite di sangue o di altri fluidi, oppure qualsiasi altro tipo di danno all’abitacolo durante il viaggio veloce al pronto soccorso.

3# Portiera. La polizza Rca può includere la responsabilità civile dei trasportati: per i danni che questi possono involontariamente causare durante la circolazione. Il classico esempio è l’apertura della porta del passeggero, che fa cadere un ciclista. Le lesioni all’uomo verranno coperte dalla Rca, ovviamente entro il massimale. Analogamente, scatta il rimborso per il passeggero che perde per strada la propria borsa cagionando un danno a chi vi segue.

Se il passeggero diventa guidatore

La Rca riguarda l’auto, non il guidatore. Quindi, se a guidare siete voi o il passeggero che diventa conducente per una parte del viaggio, la sostanza non cambia. Attenti però: se avete una Rca limitata (esempio, guida esclusiva), solo voi potete guidare la macchina. In caso di sinistro, la compagnia risarcisce i danni all’altro veicolo, ma ha diritto a farsi dare tutto il rimborso da voi. Allo stesso modo, se il conducente, in quel momento, è ubriaco o drogato, scatta la rivalsa assicurativa, con la compagnia che esigerà l’indennizzo da voi.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Top