dalla Home

Home » Argomenti » Auto e Salute

pubblicato il 5 luglio 2016

Dossier Auto e Salute

Guidare con la congiuntivite, qualche dritta per non soffrire

Bastano tre semplici mosse per stare meglio e guidare in sicurezza

Guidare con la congiuntivite, qualche dritta per non soffrire

Il problema è ben noto a chi soffre di allergie primaverili: guidare con la congiuntivite, che si manifesta da maggio a settembre, è un guaio. Ti dà fastidio la luce naturale del Sole, così come quella dei fari delle auto; la lacrimazione mentre sei al volante è in agguato; e ti viene da grattarti l’occhio che brucia. Tutte attività che distraggono dalla guida, dai cartelli, dalla strada, distogliendo (in parte e spesso del tutto) l’attenzione da quanto ti è attorno. Però qualche accorgimento per limitare i problemi esiste.

Tris di scudi

1# Riposo. La terapia “regina” contro la congiuntivite allergica è semplice: prima di guidare, state alla larga il più possibile dall'allergene responsabile. Per esempio, se siete allergici alle graminacee o alle betullacee, evitate passeggiate ai giardini e ai parchi prima di un viaggio. La notte, anche se fa caldo, non dormite con le finestre aperte: durante il riposo notturno, l’organismo va protetto. Inclusi gli occhi. In assenza di un impianto di climatizzazione, ok il ventilatore con una piccola apertura nella finestra, magari una lieve corrente.

2# Protezione. No alle lenti a contatto e, per le donne, no al trucco se dovete viaggiare: gli occhi degli allergici sono molto sensibili a tutto, e pertanto non vanno irritati in nessun modo. Poi, urgono assolutamente occhiali da Sole con lenti che filtrano parecchio la luce, così che l’occhio possa riposare. No alla guida col finestrino aperto: entrano aria e polvere che irritano gli occhi.

3# Colliri. Sotto controllo medico, e ricordando che si tratta pur sempre di farmaci con possibili effetti collaterali, sì ai colliri antistaminici: agiscono bloccando l'azione dell'istamina, prevenendo o alleviando i sintomi della reazione allergica. In aggiunta, senza eccedere, vanno bene anche colliri rinfrescanti. Cautela, e sempre dietro consiglio di un medico o di uno specialista, coi prodotti di libera vendita che associano vasocostrittori ed antistaminici.

Lavare a più non posso

È utile una bonifica della propria auto per ridurre i livelli di acari della polvere: lavate la macchina dentro e fuori prima di partire. Se ci sono bimbi, lavate anche i pupazzi da portare in macchina. Nei viaggi, lavate accuratamente le mani prima di toccare gli occhi: fatelo soprattutto quando andate nei bagni degli autogrill. Rammentate che, pur senza che ve accorgiate, portate spesso le mani agli occhi e alla bocca. Durante la stessa pausa viaggio, prezioso un impacco sugli occhi: inumidite un asciugamano di cotone nell’acqua, strizzatelo, poggiatelo sulle palpebre. Così da trarre beneficio nelle ore successive.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , salute


Top