dalla Home

Curiosità

pubblicato il 1 luglio 2016

Hyundai premia i giovani universitari

Si è conclusa l’edizione 2016 di University StartUp Competition, contest di Junior Achievement

Hyundai premia i giovani universitari

Oggi si sente molto parlare di “startup” e Hyundai si è avvicinata ai giovani sostenendo le idee imprenditoriali di alcuni universitari tramite il progetto “JA StartUp Program”, che ha coinvolto ragazzi di tutt’Italia - tra i 19 e i 30 anni - per aiutarli ad individuare un’opportunità di business, a pianificare le risorse e a passare dall’idea all’azione: in pratica, ad educare la propensione all’imprenditorialità. Alla finale dell’edizione 2016 sono arrivati 15 team - selezionati fra 350 studenti provenienti da 14 università italiane - e il premio come “Miglior StartUp JA” è andato alla squadra “BTeam” dell’Università di Tor Vergata (Roma), che ha sviluppato un processo efficiente, economico e ambientalmente sostenibile per la sintetizzazione del bromotimolo (BT), materiale già presente in natura e che rappresenta un antibatterico molto efficace, più del comune timolo, utilizzato come antisettico in molti prodotti per l’igiene (come i collutori). La squadra si è così guadagna l’onore di rappresentare l’Italia alla competizione europea in programma dal 6 all’8 luglio a Bucarest, dove i ragazzi si confronteranno con gli altri finalisti dei 20 Paesi coinvolti nell’iniziativa.

“I leader di domani hanno bisogno del nostro supporto oggi. In quest’ottica, Hyundai vuole offrire il miglior sostegno ai giovani che dimostrano talento e passione - ha commentato Andrea Crespi, Managing Director di Hyundai Motor Company Italy -. I vincitori si sono distinti per l’originalità della proposta . Anche se portatori di un progetto non direttamente connesso al mondo automotive, hanno dimostrato che l’approccio Hyundai New Thinking. New Possibilities legato all’innovazione può essere facilmente applicato ad ogni iniziativa di spirito imprenditoriale”. Al secondo posto si è classificata “EasyLife” (Università Mediterranea di Reggio Calabria), che ha proposto un braccialetto in grado di segnalare con anticipo le crisi epilettiche attraverso un evoluto algoritmo, basato sui dati biometrici della persona. Terza classificata “Bee Italians”, un progetto basato sullo snellimento della produzione del miele di qualità per il ripopolamento delle api (la cui presenza è calata del 60% negli ultimi 20 anni), dell’Università di Roma Tor Vergata.

Hyundai partner del progetto University StartUp Competition

Si è conclusa l’edizione 2016 di “University StartUp Competition”, contest di Junior Achievement realizzato in partnership con Hyundai Motor Company Italy. Un’iniziativa a sostegno delle idee imprenditoriali dei giovani universitari di tutt’Italia, a conferma dell’impegno del brand nei confronti delle future generazioni. “BTeam”, progetto sviluppato dagli universitari di Tor Vergata, ha conquistato il primo posto assoluto e rappresenterà l’Italia alla finale europea di Bucarest.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Hyundai , università


Top