dalla Home

Home » Argomenti » Auto e Salute

pubblicato il 30 giugno 2016

UGO, l'app che salva vite e patenti

Il "migliore amico" che ti porta a casa se hai bevuto, ma non solo...

UGO, l'app che salva vite e patenti
Galleria fotografica - UGO, l'app che ti accompagna a casa se hai bevutoGalleria fotografica - UGO, l'app che ti accompagna a casa se hai bevuto
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 1
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 2
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 3
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 4
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 5
  • UGO, l\'app che ti accompagna a casa se hai bevuto - anteprima 6

Se bevo non guido, c'è UGO. UGO chi? Il servizio lanciato ufficialmente ieri a Milano (a breve seguirà Roma) e che mette a disposizione un assistente personale ogni volta che se ne ha bisogno, quando si alza un po' troppo il gomito, appunto, ma non solo. In pratica, se non ci si sente in grado di mettersi al volante, basta premere l'apposito comando sull'app e, nel giro di 10-15 minuti, un operatore UGO (inconfondibile col suo papillon azzurro) vi raggiunge e vi accompagna a casa, guidando la vostra auto. Il tema della sicurezza e della guida in stato di ebbrezza, peraltro, è di triste attualità dopo l'incidente accaduto solo dieci giorni fa ai due ragazzi di 18 e 19 anni in provincia di Siracusa. Tragedie che non dovrebbero mai succedere - perché facilmente evitabili - e che iniziative come questa possono contribuire a limitare; nella speranza che spariscano del tutto, al più presto. UGO costa 0,45 € al minuto in città, 1,20 € al minuto fuori. Il servizio, infatti, può essere richiesto anche per andare dal centro verso l'esterno (non il contrario).

Guidatori "certificati", assicurazione Kasko contro ogni possibile danno

Perplessità numero uno: perché dovrei fidarmi del primo che passa e affidargli non solo la mia auto, ma soprattutto la mia incolumità (e magari anche quella della mia famiglia)? Perché gli operatori UGO hanno almeno 20 punti sulla patente, guidano da minimo 3 anni e hanno la fedina penale pulita. Non solo: hanno anche superato un esame di valutazione guida e, tra le primissime implementazioni del servizio, ognuno di loro sarà valutato dagli utenti. In altre parole, se guida male, non è puntuale o altro, difficilmente lavorerà ancora. Perplessità numero due: anche il più attento e abile dei guidatori può fare un errore e quindi danni. Persino il più irreprensibile tra "gli UGO". Chi paga? L'assicurazione Kasko by Zurich, che tutela il proprietario della macchina anche da eventuali rincari del "bonus-malus". In pratica, anche in caso di sinistro, il cliente finale non si vede costretto a sborsare di tasca propria.

Car sharing, metropolitana e, come ultima ipotesi, mezzo proprio

UGO non è solo sicuro, è anche ecologico: gli accompagnatori raggiungono il cliente e tornano a casa propria utilizzando i mezzi pubblici, il car sharing e, se il servizio non può essere erogato rapidamente, attraverso mezzi propri. UGO ha anche una forte valenza sociale, al di là del contributo che dà alla sicurezza: può essere richiesto da anziani che vogliano essere accompagnati a fare una visita, da persone non vedenti o con difficoltà motorie. Il servizio funziona tramite app - disponibile per Android e iOS - sfrutta la geolocalizzazione e può essere prenotato fino a 24 ore prima.

Autore:

Tag: Attualità , app , sicurezza stradale


Top