dalla Home

Test

pubblicato il 28 giugno 2016

Opel Zafira, hi-tech per sette

Sette posti e spaziosa come sempre, tecnologica come non mai

Opel Zafira, hi-tech per sette
Galleria fotografica - Opel Zafira restylingGalleria fotografica - Opel Zafira restyling
  • Opel Zafira restyling - anteprima 1
  • Opel Zafira restyling - anteprima 2
  • Opel Zafira restyling - anteprima 3
  • Opel Zafira restyling - anteprima 4
  • Opel Zafira restyling - anteprima 5
  • Opel Zafira restyling - anteprima 6

Si può dire quel che si vuole delle "vecchie" monovolume, ma sono tuttora il meglio, per chi cerca il massimo spazio all'interno di una determinata lunghezza. Migliori anche dei SUV, che sono più alti da terra e dunque offrono meno spazio nell'abitacolo. Anche per questo Opel continua a crederci e, a ottobre, arriva nelle concessionarie il restyling della Zafira, capiente come sempre, ma più aggressiva che mai nel look. L'ho provata in anteprima dei dintorni di Francoforte, ecco come va.

Com'è

Il grande cambiamento è fuori, ma non posso non partire da dentro. E' qui che si vive una MPV ed è qui che si pretende il meglio. La Zafira restyling non delude, a partire dal bagagliaio, che fa segnare un bel 710 litri di capacità in configurazione 5 posti, 1.860 a due; c'è spazio giusto per qualche "ventiquattrore", invece, quando anche la terza fila di sedili è in posizione. A proposito: il sesto e settimo posto, nonostante il lavoro degli ingegneri Opel per andare a "limare" ogni mm, restano consigliabili per persone alte al massimo 165 cm, visto che lo spazio per i piedi e per la testa è davvero limitato. Rivisto pesantemente il sistema di infotainment, che guadagna l'hotspot wi-fi (optional disponibile da fine anno) e l'Intellilink, ovvero la connettività con Android Auto ed Apple CarPlay. Non solo: lo spostamento dello schermo più in basso e l'adozione di un touchscreen hanno semplificato la navigazione tra le varie funzioni. Non mancano inoltre i fari adattivi con luci diurne a led. Quanto al design, le maggiori novità si concentrano nel frontale, che si ispira a quello dell'Astra: un profilo unisce i gruppi ottici e la mascherina ed è pensato per dare una percezione di larghezza superiore. Una nota a parte la meritano i sedili anteriori sportivi (optional e certificati AGR): grazie alla regolazione del supporto cosce e alla possibilità di basculare la seduta si adattano a persone di tutte le stature. Soprattutto, tornando ai sistemi di sicurezza, OnStar (lanciato sull'Astra) è sempre di serie.

Come va

Come prima: la Zafira restyling è identica al modello precedente nella meccanica, dunque su strada si ritrovano le stesse, piacevoli sensazioni. L'assetto non è eccessivamente morbido, il che regala un dinamismo superiore alle aspettative tra le curve, senza che sulle buche e negli avvallamenti si inneschino degli scossoni. Il cambio non è dei più precisi, ma la generosità del motore già a 1.300 giri permette di ridurre al minimo il suo utilizzo. Non convince pienamente l'insonorizzazione: nella fascia tra 2.000 e 3.000 giri, il quattro cilindri da 170 CV è un po' troppo ruvido. Per il resto, una delle eccellenze della MPV tedesca è la visibilità: un po' grazie alla posizione di guida rialzata, un po' grazie al finestrino che si apre nel montante anteriore, non solo la percezione degli ingombri è praticamente perfetta, ma anche l'ampia visuale verso il tre quarti anteriore è un toccasana per la sicurezza in città.

Curiosità

La Opel Zafira è stata la prima monovolume media (intorno ai 4,5 metri di lunghezza) ad offrire i sette posti. Era il 1999 e, da allora, molte Case concorrenti si sono viste costrette a "sdoppiare" la propria offerta: Renault Scenic X-Mod/Grand Scenic, Citroen C4 Picasso/Grand C4 Picasso...

Quanto costa

I listini della Zafira restyling saranno disponibili tra qualche settimana, quando aprono gli ordini, mentre le consegne inizieranno ad ottobre. Si sa già però che il prezzo d'attacco è pari ai 26.270 euro della 1.4 Turbo 120 CV Elective. La gamma si completa con le versioni Innovation e Business e, lato motori diesel, con il 1.600 da 120 e 136 CV, il 2.0 da 130 CV con cambio automatico e il 2.0 da 170 con automatico o manuale. Importante: come detto, OnStar è sempre di serie

Scheda

Quando arriva: in vendita da luglio
Quanto costa: da 26.270 Euro
Quanti CV ha: 170
Quanto consuma (combinato): n.d.
Quanta CO2 emette: n.d.
0-100 km/h: n.d.
Velocità massima: n.d.
Garanzia: 2 anni km illimitati

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Opel , auto europee


Top