dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 24 giugno 2016

Viaggiare… per file parallele

Nella corsia di destra, andare più veloce che in quella di sinistra: a volte, si può

Viaggiare… per file parallele

La prima cosa che, correttamente, v’insegnano quando prendete lezioni di guida: sulla corsia di destra si va piano in auto, su quella di sinistra più veloce e si sorpassa. È la regola che si tiene sempre presente, anche nei viaggi, con diverse eccezioni. In particolare, per quanto riguarda il sorpasso a destra, potete farlo quando il conducente da superare ha segnalato che intende svoltare a sinistra o arrestarsi a sinistra su una carreggiata a senso unico. Ma c’è di più: sulla corsia di destra potete talvolta viaggiare più veloci che in quella di sinistra.

Tre regole del viaggio “in parallelo”

1# Questione velocità. La circolazione per file parallele è ammessa nelle carreggiate ad almeno due corsie per ogni senso di marcia, in un caso. Vediamo quando: la densità del traffico è tale che i veicoli occupano tutta la parte della carreggiata riservata al loro senso di marcia; e si muovono a una velocità condizionata da quella dei veicoli che precedono.

2# Secondo caso. In tutti i casi in cui gli agenti del traffico la autorizzano, è consentita la circolazione per file parallele. Potrebbero essere, per esempio, gli agenti della Polizia stradale sulle autostrade durante un viaggio con un qualsiasi problema di traffico.

3# Segnali. È possibile e regolare la circolazione per file parallele lungo il tronco stradale che entra in un incrocio controllato da segnali luminosi o manuali: al segnale di via libera, la circolazione per file parallele deve continuare anche nell'area di manovra dell’incrocio.

Carreggiata e “freccia”

Nella circolazione per file parallele, potete (sono esclusi i veicoli non a motore ed i ciclomotori) non mantenervi presso il margine della carreggiata, pur rimanendo in ogni caso nella corsia prescelta. Se viaggiate per file parallele, e siete sulla corsia di sinistra, non dovete tenere in funzione l’indicatore di direzione sinistro: la “freccia” va usata quando si cambia direzione o corsia.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , sicurezza stradale


Top