Mercato

pubblicato il 22 giugno 2016

Saab, NEVS dà l’addio al marchio

La svedese che ha comprato i diritti sulla 9-3 vuole proporsi come azienda nuova e specializzata nel ramo delle auto elettriche

Saab, NEVS dà l’addio al marchio
Galleria fotografica - Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipoGalleria fotografica - Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 1
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 2
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 3
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 4
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 5
  • Saab 9-3 Electric Vehicle, prime foto del prototipo - anteprima 6

La società proprietaria del marchio Saab, la svedese NEVS, ha annunciato di non voler più utilizzare il nome della storica azienda produttrice delle berline 9-3 e 9-5, che in questo modo scompare forse definitivamente dal panorama automobilistico. Lo ha comunicato tramite una nota ufficiale, con la quale spiega di volersi porre come azienda indipendente e non legata ad un marchio già conosciuto, legato però ad una tipologia ben definita di vetture: le Saab vengono ricordate per i loro standard molto elevati in termini di comodità, sicurezza e cura per il dettaglio, mentre le berline della NEVS saranno elettriche e dalla forte impronta ecologica. La Saab ha avviato nel 2011 le procedure per il fallimento ed è stata rilevata nel 2012 dalla NEVS, aziende svedese finanziata da investitori cinesi.

La NEVS, acronimo di National Electric Vehicle Sweden, ha rilevato i diritti legati per la costruzione della berlina 9-3 e l’ha trasformata in vettura a zero emissioni, garantendosi così un ricchissimo accordo di fornitura con una fra le prime società cinesi nei ramo delle nuove energie: la Panda New Energy ha firmato un contratto da 12 miliardi di dollari e 150.000 vetture. I primi esemplari verranno prodotti da inizio 2017, ma l’ordine va evaso entro il 2020. La NEVS, come dichiarato in forma ufficiale, non intende sfruttare la popolarità di Saab ma proporsi come azienda nuova e specializzata nel ramo delle automobili elettriche. Non a caso la società finanziatrice, denominata NME Holding, è leader in Cina nel settore delle energie rinnovabili. La NEVS non era riuscita ad ottenere il via libera per utilizzare lo storico logo della Saab (un grifone su sfondo blu), rimasto nella disponibilità di Scania: entrambe le società usavano lo stesso emblema. Come dimostra la Saab 9-3 Aero.

Autore: Redazione

Tag: Mercato , Saab , dall'estero


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 52
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 33
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 35
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top