dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 22 giugno 2016

Aston Martin Vanquish Zagato Coupé, arriva in piccola serie

Nella fabbrica di Gaydon, in Inghilterra, verranno realizzati 99 esemplari. Le prime consegne da inizio 2017

Aston Martin Vanquish Zagato Coupé, arriva in piccola serie
Galleria fotografica - Aston Martin Vanquish Zagato CoupéGalleria fotografica - Aston Martin Vanquish Zagato Coupé
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 1
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 2
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 3
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 4
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 5
  • Aston Martin Vanquish Zagato Coupé - anteprima 6

Aston Martin metterà in produzione 99 esemplari della Vanquish Zagato Coupé, vettura esposta durante il Concorso d’Eleganza Villa d’Este e realizzata con il supporto della carrozzeria milanese Zagato, che da oltre 50 anni collabora con l’azienda inglese: la prima vettura realizzata in sinergia è la DB4 GT Zagato del 1960. La serie limitata verrà costruita nell’impianto che Aston Martin possiede a Gaydon, in Inghilterra, e risponde all’”interesse senza precedenti” suscitato dall’auto: la casa, tramite una nota ufficiale, spiega che il prototipo (qui le foto) ha generato nei clienti molta più curiosità di quanto fosse previsto. Per questo motivo Aston Martin ha stabilito di realizzarne 99 unità, tutte disponibili su ordinazione.

Fra tradizione e innovazione

I primi esemplari verranno consegnati da inizio 2017 e finiranno nei garage di fortunati collezionisti, che avranno il privilegio di guidare un’automobile dai ricchi contenuti estetici, storici e tecnici. La Vanquish Zagato Coupé ha esordito nel maggio 2016 come esemplare unico. Riprende molti elementi tipici della Zagato (i fanali posteriori tondi, le due gobbe sul tetto, il parabrezza avvolgente) e li mescola a particolari visibili sulle Aston Martin più recenti, come ad esempio gli specchietti laterali e la sezione posteriore: nel primo caso è evidente l’influenza della One-77, mentre la coda si ispira alla nuova DB11. L’auto definitiva riprenderà il motore V12 5.9 (600 CV) e la meccanica della Vanquish, ma introdurrà una serie di nuovi accorgimenti a livello estetico: i montanti posteriori saranno inediti e il tetto digraderà in maniera più accentuata, come ben visibile dal video pubblicato nelle scorse ore. Le linee esterne sono state definite da Marek Reichman e Andrea Zagato, rispettivamente a capo del centro stile Aston Martin e presidente della Zagato.

Modifiche senza stravolgimenti

Lo stile dell’auto non sarà identico all’auto mostrata finora, come spesso accade nel passaggio dal prototipo alla vettura definitiva: i progettisti sono tenuti in questo caso a limare i dettagli che mal si conciliano con la produzione in (piccola) serie, perché ad esempio troppo costosi da realizzare o non conformi alle varie normative di sicurezza. Aston Martin ha promesso in ogni caso che la linea resterà fedele al modello di stile. L’auto definitiva manterrà il corpo vettura in fibra di carbonio e sarà realizzata tramite grossi pannelli, grazie ai quali è possibile diminuire le fessure e migliorare la pulizia delle linee esterne. Nell’abitacolo saranno presenti materiali e tessuti di qualità assoluta, in molti casi ispirati al prototipo: il modello di stile offriva particolari metallici in bronzo anodizzato, dettagli in fibra di carbonio e rivestimenti in pelle anillina, che rimane morbida a seguito di una lavorazione molto complessa.

Aston Martin Vanquish Zagato Coupé

Nella fabbrica di Gaydon, in Inghilterra, verranno realizzati 99 esemplari. Le prime consegne da inizio 2017.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Aston Martin , auto europee , serie speciali


Top