dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 21 giugno 2016

Alfa Romeo, l'ammiraglia è più vicina

Wester parla della grande berlina del 2018 con il motore della Giulia Quadrifoglio e l'inedito 6 cilindri diesel

Alfa Romeo, l'ammiraglia è più vicina
Galleria fotografica - Alfa Romeo ammiraglia 2018, il renderingGalleria fotografica - Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 1
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 2
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 3
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 4
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 5
  • Alfa Romeo ammiraglia 2018, il rendering - anteprima 6

In tutto il mondo continua a dilagare la "Giulia mania", una specie di febbre che assale gli appassionati della Casa del Biscione e della sua nuova berlina media, complice anche la versione Quadrifoglio da 510 CV che fa sognare davvero tutti. Per quanto fondamentale e strategica nel rilancio del marchio italiano, la Giulia non sarà però l'unica novità dei prossimi anni, come sanno i nostri lettori che hanno già attendono per fine 2016 il SUV Alfa Romeo Stelvio, noto anche come Tipo 949. Entro il 2018 dovrebbe poi debuttare anche la nuova ammiraglia Alfa, quella berlina grande italiana destinata a sfidare soprattutto BMW Serie 5, ma anche Audi A6 e Mercedes Classe E. A darcene ulteriore conferma è lo stesso Harald Wester, Chief Technology Officer di FCA che ad Auto Express ha parlato di "una rapida sequenza di novità importanti e vendibili come le berline e i SUV".

Quadrifoglio in vista, oltre al diesel 6 cilindri

L'ex ad di Alfa Romeo e Maserati ha quindi ribadito la volontà della Casa italiana di rientrare in grande stile nel mercato delle berline premium di segmento E, come già indicato nella versione più recente del piano industriale 2014-2018 alla voce "full size". Wester ha poi aggiunto che la nuova ammiraglia Alfa potrebbe sfruttare lo stesso strepitoso 2.9 V6 biturbo di ispirazione Ferrari della Giulia Quadrifoglio, motore perfetto per affrontare la sfida con le varie M5, AMG E 63 ed RS 6. La grande Alfa del 2018 avrà probabilmente anche una versione più potente del 2.0 turbo quattro cilindri - definito dal tedesco un "motore con grande potenziale" - e una gamma di turbodiesel che oltre ai nuovi 2.2 potrebbe per la prima volta includere un sei cilindri a gasolio.

La nuova Alfetta potrebbe essere anche ibrida

L'erede dell'Alfa 166 che alcuni vorrebbero si chiamasse "Alfetta" ed è nota internamente come progetto Tipo 961 sarà una berlina lunga circa 5 metri con proporzioni classiche e sportive al tempo stesso, qualcosa di simile a quanto immaginato nel rendering esclusivo di OmniAuto.it visibile in copertina. Oltre che nelle motorizzazioni tradizionali con cambio manuale 6 marce e automatico a 8 rapporti, trazione posteriore o integrale, la nuova ammiraglia Alfa verrà probabilmente presentata anche in versione ibrida plug-in, merito anche della nuova piattaforma Giorgio adatta a vari tipi di elettrificazione. Le rivali di questa grande Alfa Romeo, oltre alle tedesche già citate, saranno a livello globale le outsider Jaguar XF, Cadillac CTS e Volvo S90, con le ultime due fedeli al quattro cilindri sul mercato italiano.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Alfa Romeo , auto italiane , rendering


Top