dalla Home

Attualità

pubblicato il 20 giugno 2016

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, Volkswagen prepara un piano USA da 10 miliardi di dollari

Voci di un accordo con le autorità americane per risarcire i clienti e lo Stato

Dieselgate, Volkswagen prepara un piano USA da 10 miliardi di dollari
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Motore Volkswagen TDI - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

Il gruppo Volkswagen sarebbe pronto a presentare un piano da 10 miliardi di dollari per risolvere lo scandalo emissioni negli Stati Uniti, quello noto anche come Dieselgate. Come riporta l'agenzia Bloomberg il colosso tedesco dell'automobile starebbe infatti per sottoporre alle autorità nordamericane un programma di interventi da 10 miliardi di dollari (8,86 miliardi di euro al cambio attuale) per sanare il problema delle centraline truccate di circa mezzo milione di vetture vendute negli USA, di cui 6,5 milioni di dollari destinati ai proprietari delle auto e 3,5 miliardi di dollari per indennizzi all'agenzia federale per l'ambiente (Epa) e al California Air Resources Board (Carb).

Possibili anche riacquisti delle auto e riduzione delle rate

La notizia dell'accordo non è ancora ufficiale né confermata da VW, ma sempre secondo Bloomberg la proposta dovrebbe essere vagliata dai legali dei consumatori coinvolti e dal giudice federale di San Francisco che dovrebbe esprimersi il prossimo 28 giugno. Al momento restano incerti anche i termini di questa maxi conciliazione che sulla base delle ultime indiscrezioni potrebbe prevedere varie opzioni. Una di queste è la modifica d'officina alle vetture coinvolte nel caso Dieselgate, pur in assenza di un calendario preciso di richiami e indicazioni tecniche sugli interventi, l'altra è quella di rivendere l'auto alla stessa Volkswagen e l'ultima è quella di interrompere il pagamento delle rate per chi ha acceso un finanziamento all'acquisto del mezzo.

Accantonamenti da utilizzare

Se la proposta di Volkswagen venisse accettata e gli 8,86 miliardi di euro fossero destinati alla soluzione della sola parte statunitense dello scandalo emissioni si abbasserebbe di oltre la metà la cifra di 16,2 miliardi di euro accantonata da Volkswagen proprio per fare fronte al Dieselgate che coinvolge circa 11 milioni di veicoli in tutto il mondo con motore diesel TDI EA 189 e solo 482.000 negli USA. Un altro rischio che incombe sulla Casa di Wolfsburg è quello delle azioni legali avviate in quasi ogni mercato, delle multe e delle richieste di risarcimento danni che arrivano sia da Oltreoceano che dalla stessa Germania e dagli altri Paesi Ue.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Volkswagen , auto americane , auto europee , dall'estero , usa


Top