dalla Home

Test

pubblicato il 18 giugno 2016

Dossier #perchécomprarla

Renault Talisman Sporter, perché comprarla… e perché no [VIDEO]

Le SW non piacciono più? La francese, hi-tech e ragionevole nei prezzi, ha molti… “perché”

Galleria fotografica - Renault Talisman Sporter | FotoGalleria fotografica - Renault Talisman Sporter | Foto
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 1
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 2
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 3
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 4
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 5
  • Renault Talisman Sporter | Foto - anteprima 6

Fino a non molti anni fa, la station wagon era sinonimo di famiglia: spazio a volontà, facilità di carico per cose e persone, aspetto rassicurante. Poi sono arrivati SUV e crossover di tutte le dimensioni, che alle doti delle SW hanno aggiunto un look molto più aggressivo. Ed è stato il trionfo, mentre le “vecchie” familiari si sono viste messe sempre più all’angolo. Eppure, sul mercato non mancano tante e valide proposte, dei marchi premium e anche dei cosiddetti generalisti, come Renault. Nel segmento delle station wagon medie, il marchio francese è presente con la Talisman Sporter. Un’auto a cui non mancano soluzioni tecnologiche interessanti e un design fortemente caratterizzato, per competere, tra le altre, contro Ford Mondeo Wagon, Mazda 6 Wagon, Opel Insignia SportsTourer e Peugeot 508 Wagon.

Pregi e difetti

Lunga ben 4,9 metri, la Talisman Sporter è una wagon che rispetta al 100% la sua “missione”. Innanzitutto, si può caricare tanto e con facilità (pavimento piatto, forme regolari e soglia bassa), poi ci sono portaoggetti molto pratici, leve per abbattere gli schienali e il passaggio sci. Non ci sarebbe invece stato male qualche gancio in più per affrancare le buste della spesa. E per le persone? Lo spazio abbonda dietro, peccato - in ottica bambini piccoli - che i ganci Isofix siano disponibili solo lateralmente. Una SW di questo livello non può trascurare la qualità. E la Talisman non lo fa: la plastica che riveste la parte superiore della plancia è di fattura pregevole, un po’ meno quella della parte inferiore (ma questo accade anche su vetture premium); sempre benvenuti i sedili ventilati e le luci interne che cambiano colore. Su strada, convince il comfort urbano grazie alle sospensioni regolabili, che in abbinamento alle 4 ruote sterzanti, sul misto (e se impostate sulla modalità sportiva) regalano anche un'agilità sorprendente; a volte fin troppo, al punto che ci vuole un minimo di abitudine.

Quale scegliere

Non la Zen, la versione meno ricca, sulla quale si rischia di non trovare optional che ci si aspetterebbe, su un’auto di questo tipo: telecamera di retromarcia, riconoscimento dei cartelli stradali, cruise control adattivo e telecamera per l’angolo cieco, per esempio. Meglio dunque spendere 2.000 euro in più per la Intense, che a richiesta può avere le quattro ruote sterzanti. Se volete il massimo, allora optate per la Intense Paris, dotata di tutto il necessario e anche di più. 

Scheda Versione

Renault Talisman Sporter
Nome
Talisman Sporter
Anno
2016
Tipo
Normale
Segmento
medie
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Renault , auto europee


Top