dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 giugno 2016

Auto a guida autonoma: uno su due dice sì

Nel mondo, il 55% degli automobilisti pronto a orientarsi verso la vettura senza conducente

Auto a guida autonoma: uno su due dice sì

L'Osservatorio Auto 2016 elaborato da Findomestic, con una ricerca in 15 Paesi e 4 continenti, evidenzia un automobilista pronto a recepire le novità tecnologiche del mercato. Infatti, un intervistato su due (su un totale di 8.500 individui che hanno acquistato una vettura nuova nel corso degli ultimi 5 anni) dice sì alla macchina senza guidatore: per la precisione, nel mondo il 55% delle persone, e in Italia addirittura il 65%.

Picchi opposti

Nel decimo rapporto annuale Findomestic sui trend della mobilità automobilistica, emerge che il "non guidare" seduce addirittura il 91% dei cinesi, l'81% dei turchi Turchia e il 73% dei brasiliani. Invece, particolarmente affezionati a tenere il volante sono gli statunitensi, il 32% dei quali risulta affascinato da questo genere di vetture. Una percentuale bassa, specie se si considera tutto il business che la macchina-robot sta creando negli USA, con Google e Apple molto attive nel campo della vettura senza guidatore.

Per fare cosa

La guida automatizzata apre spazi ad altre attività: nel mondo, il 48% ritiene che la vettura sarà uno spazio dedicato al divertimento (e questo vale anche per il 40% degli italiani); ma pure un luogo conviviale dove parlare con gli altri passeggeri per il 40% (35% in Italia), oppure un posto in cui lavorare per il 25% del campione (23% degli italiani).

Guida connessa

Il rapporto Findomestic ha preso in esame anche l’auto connessa, ovviamente col conducente. In un contesto in cui la digitalizzazione ha oramai investito anche il mondo automotive promettendo di modificare lo status dell’automobile e dell’automobilista, si tratteggia un guidatore sempre più evoluto tecnologicamente, capace di gestire l’interazione vettura-device, attento e interessato alle trasformazioni che stanno modificando il settore automobilistico. L’auto connessa rappresenta per gli automobilisti italiani e del resto del mondo soprattutto un progresso in termini di comfort e un mezzo per risparmiare tempo (attorno all’80%).

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , guida autonoma


Top