dalla Home

Eventi

pubblicato il 24 ottobre 2007

Donne protagoniste alle Galleria Ferrari

Da Brigitte Bardot a Sharon Stone... ecco le "amanti" del Cavallino!

Donne protagoniste alle Galleria Ferrari
Galleria fotografica - Ferrari e le DonneGalleria fotografica - Ferrari e le Donne
  • Ferrari e le Donne - anteprima 1
  • Ferrari e le Donne - anteprima 2
  • Ferrari e le Donne - anteprima 3
  • Ferrari e le Donne - anteprima 4
  • Ferrari e le Donne - anteprima 5
  • Ferrari e le Donne - anteprima 6

Solo il "fascino delle donne può competere con la passione suscitata dalle vetture Ferrari di ogni epoca e modello". E' per questo che da oggi fino al 30 aprile 2008, la Galleria Ferrari di Maranello ospiterà una mostra dedicata al rapporto tra il mondo Ferrari e l'universo femminile.

Si chiama "La Ferrari e le donne" ed è un'esposizione "doppia". Da un lato, si può ammirare una ricca galleria fotografica che racconta i 60 anni di storia del marchio insieme alle donne di grande fascino che l'hanno accompagnata. Dall'altro, i visitatori possono guardare da vicino alcune delle più prestigiose vetture protagoniste di quegli scatti, come la 250 GT Spider del 1959, la 250 GT Berlinetta del 1962 e la 360 Spider del 2000.

Ma chi crede che le donne raffigurate siano soltanto modelle e miss si sbaglia di grosso. Il Cavallino rampante infatti era molto amato anche da principesse, attrici e mogli di piloti. Basti pensare che, ad esempio, la principessa Liliana de Rethy nel '57 chiese ad Enzo Ferrari in persona di realizzarle in esclusiva per lei un modello speciale di 250 GT coupé. E che dire di Ingrid Bergman, che nel '54 ordinò la Berlinetta 375 Mille Miglia esposta al Salone di Parigi come esemplare unico?

E proprio alle attrici è stato riservato uno spazio speciale della mostra. Si fanno notare Brigitte Bardot su una 250 GT spider nel film di Godard "Il Disprezzo" (1963) o Ann Stroyberg su una 250 California durante le riprese del film "Les liaisons dangereuses" (1959). Ma anche Shirley McLaine, Monica Vitti e Sharon Stone (madrina dell'asta benefica per l'assegnazione del primo esemplare di 348 spider) non sono niente male...

Autore:

Tag: Eventi , Ferrari , donne motori , mostre


Top